Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
mercoledì 4 marzo 2015


Tell Me You Fucking Need Me”: lo ammetto, letto questo titolo, ho passato queste due settimane a fantasticare sulla super romantica scena Gallavich che sarebbe accaduta in questo episodio, ma così non è stato. La scena Gallavich c’è stata e i loro brevi momenti sono stati emozionanti, ma mi hanno fatto piangere pure l’anima. Autori, vi troverò e vi ammazzerò, ma prima vi farò provare tutto il dolore che sto provando adesso.




Mi rendo conto che gli intro delle mie recensioni riguardano sempre i pianti fatti a causa dei Gallavich, ma loro sono la mia coppia preferita in assoluto e io sono una piagnona, so… Amatemi lo stesso, vi prego. Inoltre, scrivere la recensione mentre ascolto Spotify in riproduzione casuale non aiuta: mi parte “L’amore non esiste” e il mio cuore salta dei battiti.

L'amore non esiste, ma esistiamo io e te e la nostra ribellione alla statistica... 

Il disagio assai. Questi due stanno mandando a quel paese quel poco di sanità mentale che mi restava; un altro episodio del genere e mi troverò con una camicia di forza, chiusa in un manicomio: sto raggiungendo livelli talmente alti di disagio che uno psicologo non servirebbe a nulla.

Comunque volevo scrivere prima degli altri personaggi, così da lasciare il discorso sui Gallavich alla fine e poter sclerare come una pazza. Quindi bando alle ciance (oddio, è appena partita “Che male c’è” di Pinuccio, Spotify, dillo che mi vuoi ammazzare definitivamente).  

L’episodio, diretto dal mio amore William H. Macy, è stato, a mio parere, davvero bello. Mi sono incazzata, ho pianto, ho riso, mi sono esaltata. Ma procediamo con ordine.

La frase che tanto mi ha fatto fantasticare è stata pronunciata dall’unica persona che io non considero mai: Sammi. La pazza isterica, che sembra al comando in casa Gallagher perché Fiona è troppo impegnata a pensare al pisello, non sarà bisognosa di attenzioni, ma vuole sentirsi indispensabile per quel padre che l’ha abbandonata ancor prima di nascere, cercata solo per il fegato e smammata quando è guarito. Fortunatamente io ho un padre meraviglioso con cui ho un bellissimo rapporto, quindi mi è difficile comprendere come una figlia abbandonata continui a tormentarsi, a soffrire e a cercare di creare a tutti i costi un rapporto con un padre schifoso come Frank, un padre che non l’ha mai voluta. Sammi non mi è molto simpatica, ma vedendola mentre urlava a Frank (dopo aver sparato un colpo di pistola che gli ha sfiorato il braccio, in preda a un attacco di follia) “dimmi che hai bisogno di me”, mi ha fatto un po’ pena. Probabilmente desidera una figura paterna così tanto che è disposta a farsi trattare di merda pur di averne una; ma nessuno essere umano merita una situazione del genere. Eppure lei, quando Frank le dice che sì, ha bisogno di lei, per darle il contentino, si tranquillizza e lo porta in ospedale. Allora ecco, l’unica cosa che mi viene da pensare è che lei preferisce darsi pizzichi sulla pancia a vita, piuttosto che rassegnarsi all’idea che Frank non sarà mai il padre che sogna, andare avanti e farsi una vita.



Visto che l’ho nominata prima, passiamo a Fiona, che ha confessato a suo marito Gus di essere stata con quello scarafaggio schifoso che è Jimmy/Steve. Lo sto dicendo da quando è iniziata questa stagione, ma lei e Lip non mi stanno piacendo, perché li vedo così presi dalle loro cose da non preoccuparsi minimamente del resto della famiglia. Fiona pensa solo alle questioni amorose (e ci sta), ma è sempre stata quella che ha messo i fratelli prima di tutto. Spero le cose cambino dopo questo episodio, anche perché pare che lei abbia finalmente aperto gli occhi. Quando Gus, dopo la botta a prima mattina, decide di incontrare Jimmy/Steve e poi gli molla un pugno perché quest’ultimo è un coglione e si merita un paliatone come Dio comanda, dice a Fiona di meritare di meglio. E questo è vero: Fiona è già incasinata di suo, non ha bisogno di un uomo che la scombussoli ancora di più. Jimmy non è affidabile, scappa alla prima difficoltà, dice una marea di balle, non è un compagno costante; anche se è l’amore della sua vita, Fiona sa che deve lasciarlo andare e lui deve permetterle di farlo, perché comparire all’improvviso, proporle di partire, sono gesti inutili e scontati. Fiona mette finalmente un punto a una relazione che sarà stata anche passionale, ma di certo non era salutare. E l’ultima balla di Jimmy ha confermato il fatto che la scelta fatta da Fiona sia quella giusta. Adesso spero chiarisca con Gus e che questo si integri nella famiglia di lei; la rivoglio a casa.

   

Lip mi sta facendo alterare. Io pensavo di averlo inquadrato, pensavo di averlo capito, ma i suoi ultimi comportamenti mi stanno facendo rivalutare tutto ciò che pensavo di lui. Non mi riferisco solo al fatto che sta snobbando Ian (il loro rapporto era una delle cose più belle dello show), ma si sta comportando da vero egoista. Io capisco che ti fai il culo all’università perché vuoi migliorare il tuo futuro, ma tesoro, prendi una camomilla prima di andare a letto. Sgridare Carl e Debbie, perché non ti mettono da parte la posta, l’ho trovato veramente fuori luogo: ma cosa pretendi da due ragazzini che sono stati lasciati in balia del loro destino? E poi, se sei tanto responsabile come dici, potresti anche controllare da solo la posta che arriva, soprattutto se riguarda la borsa di studio.
Io sono veramente senza parole… Dov’è finito il Lip che si confidava con Ian? Il Lip che voleva abbandonare il liceo e trovare un lavoro per crescere un bambino con Karen? Il Lip che voleva creare una famiglia felice con Mandy? Il Lip che si prendeva cura di Liam e di Fiona, quando questa ha avuto un crollo? Ho sempre visto Lip come un ragazzo che si dedica completamente agli altri, mi sono immaginata tutto?   



Prima di passare allo sclero sui Gallavich, volevo dire due cose anche su Debbie. I miei sentimenti per lei sono contrastanti, con lei è sempre un odi et amo, ma in questo episodio l’ho adorata, perché mi sono rivista in lei (sì, lei ha 14 anni e io 21, ma a situazioni sentimentali stiamo allo stesso livello penoso). Ha preso una bella sbandata per il pugile belloccio e lo vuole conquistare, ma crede di essere nella friendzone e chiede consigli a destra e a manca su come comportarsi. Ma si sa, tutte le tattiche non portano mai chiarezza, anzi rendono le cose solo più complicate; così Debbie decide di finirla con le pippe mentali e di dichiarare i suoi sentimenti a voce alta, go girl! In quel momento stavo per fare la ola, ha avuto un coraggio che poche ragazze avrebbero; dite la verità, quante di voi si dichiarerebbero a un ragazzo che non sei sicura ti ricambi? Ha avuto il coraggio che io vorrei avere. E la sincerità è stata ricompensata: il ragazzo le dice di ricambiare i suoi sentimenti. Sappiamo che Debbie e le relazioni sentimentali non sono mai andati d’accordo; lei è sempre stata la sfigatella che non viene calcolata mai nessuno, merita un ragazzo che la voglia e io faccio il tifo per loro.

  

Ed ora eccoci, il momento è arrivato: parliamo di Ian e Mickey. Se l’episodio scorso mi aveva devastata, questo mi ha dato la botta finale.

Lasciando stare il fatto che ho iniziato a fare dei gridolini di gioia quando ho visto Mickey farsi carino per andare a trovare Ian, tutto il resto mi ha spezzato il cuore. Ian disorientato e imbottito di calmanti, che vuole tornare a casa a tutti i costi perché “Mickey is waiting for me”; Mickey che va in ospedale e si identifica come boyfriend, per poi fare un sorrisone a trentadue denti appena vede l’amore della sua vita.


Ma lo sappiamo che non è tutto oro ciò che luccica, l’ospedale non fa i miracoli e in un giorno di ricovero le cose non tornano come prima. Ian è in uno stato confusionale e non reagisce come Mickey si aspettava, tant’è che questo non ce la fa e, con gli occhi lucidi, va via. Perché ha avuto una vita difficile, ha affrontato tante cose, ma non ha mai avuto a che fare con una malattia del genere. Ha capito che è una cosa grossa, semplicemente non sa come affrontarla; è una cosa che lo fa soffrire perché, diciamoci la verità, quando incontri finalmente la tua metà, sogni una vita felice insieme e pensi che i problemi non vi sfioreranno nemmeno.

Ma loro, nonostante tutto, sono destinati a stare insieme, si appartengo, e le difficoltà li rendono solo più forti. Ci sono solo loro contro il resto del mondo, ma possono farcela. Ian è fragile in questo momento, ma Mickey ha la forza necessaria per entrambi e lo proteggerà a qualunque costo. E questo la capiamo dai piccoli e grandi gesti che fa: caccia via Svetlana perché questa non vuole che Ian vivi nella stessa casa con Yevgeny; dopo l’ospedale, torna a casa ubriaco e abbraccia la divisa di Ian (e qui ero in una valle di lacrime, per poco non iniziavo a piangere sangue)… Tutte cose che ci fanno capire che loro sono una sola cosa e sarà difficile dividerli.


Mickey è una sorpresa continua, più lo guardo e più penso al personaggio fantastico e meraviglioso che è.  È cresciuto così tanto; mi sento come una mamma chioccia  fiera dei suoi pulcini. Come Mickey protegge Ian, io vorrei proteggere queste due creature, creare uno spazio pieno di unicorni e arcobaleni e lasciarli vivere felici lì, spensierati. Sono pazza, lo so.


Il mio sogno di vederli felici si realizzerà mai? Alcune still della 5x10 mi fanno ben sperare, ma parliamo sempre di Shameless; il #mainagioia si nasconde sempre dietro l'angolo.


Vi mando tanti baci e vi saluto con il promo del prossimo episodio! 

Per altre news su Shameless e altri telefilm seguiteci nostra paginasul nostro account  Twitter e sui nostri gruppi (qui e qui).


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Antonietta 


2 commenti:

Raffaella L ha detto...

Cara Antonietta, questa pausa di Shameless è stata durissima.
Concordo con te sull'analisi di Mickey, anche io lo adoro come personaggio, la sua crescita è una delle più belle dello show e, azzarderei, anche di altri show.
Ho provato i tuoi stessi sentimenti quando l'ho visto prepararsi, arrivare in ospedale, dichiararsi boyfriend, sorridere, e poi disperarsi. Chissà come andrà avanti e come affronterà la cosa. Ian mi ha fatto una tenerezza.
Jimmy spero che si sia finalmente e definitivamente levato dalle scatole. Fiona ha fatto un passo avanti: almeno questa volta è stata sincera con Gus, segno che forse qualcosa è cambiato davvero. E spera di poter ricucire un rapporto iniziato un po' frettolosamente ma che io mi auguro prosegua.
Bella anche l'analisi su Debbie e Sammi, non nascondo che io speravo lo uccidesse finalmente Frank.
Ora Lip. Tu chiedi cosa sia successo al Lip che si preoccupava per gli altri. Io credo che Lip si sia un po' rotto le scatole di preoccuparsi per gli altri. Concordo che poteva controllarla da solo la posta (ma diciamo che non sapeva nemmeno dovesse rinnovare la richiesta, credeva funzionasse in automatico, quindi non se l'aspettava che arrivasse). Ma comunque alla fine lo fa, capisce che deve pensarci da solo.
Io faccio il tifo per lui. Ci ha già dimostrato che quella vita gli sta stretta, lui ha altri progetti. Lui è l'unico che ha dei progetti veri, che non comprendano spacciare droga o alcoolizzarsi.
Lui deve farcela. E se per farcela deve diventare un po' egoista (che poi, un momento, nello scorso episodio si è sparato non so quanti km per recuperare il fratello, quindi ci andrei piano con la parola) che diventi pure egoista.

Quindi in definitiva, concordo con te su tutto, tranne che su Lip. :)
Un abbraccio,
Raffa

Antonietta V. ha detto...

Ciao Raffa!

Ho sempre sostenuto Lip e la questione college: come hai detto tu, lui è l'unico che ha la possibilità concreta di cambiare il suo futuro e spero che ce la faccia. Deve farcela. E capisco che si sia rotto le scatole, ma quando parlo di "prendersi cura degli altri" e di "egoismo" mi riferisco soprattutto al fatto che, ormai, manca quell'unione che caratterizzava i Gallagher. Ho sempre fatto quest'appunto anche a Fiona, in questo ultimo episodio, quando parla a Gus (poco prima dell'incontro con l'energumeno), sembra più preoccupata per Mickey che per Ian, dice infatti "è molto difficile per il suo ragazzo". Io so che si preoccupano per Ian e per il resto della famiglia, ma guardando gli episodi ho queste strane sensazioni. Spero proprio di sbagliarmi e di vedere dei cambiamenti, anche perché Lip l'ho sempre sostenuto!

Grazie per essere passata,
un bacio <3

Posta un commento

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge