Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
giovedì 19 marzo 2015

Lo so, lo so… Settimana scorsa vi sarete chiesti “ma che fine ha fatto la pazza depressa che recensisce questa serie meravigliosa? Sarà mica morta a causa dei suoi feels distrutti?”

E invece no, miei cari svergognati, eccomi qui, viva e vegeta. Sono stata qualche giorno a Londra, a rilassarmi e a godere delle bellezze che questa città offre (mamma, i londinesi sono proprio il top) e non ho potuto parlare con voi dell’episodio. Ma non disperate: se settimana scorsa vi ho abbandonati, oggi ne avrete fin troppo di me, perché questa sarà una doppia recensione!


E lo so che sto già scrivendo, ma ancora devo decidere come strutturarla: faccio un discorso generale che abbraccia entrambi gli episodi o ne analizzo uno per volta?  


Va bene, apriamo le danze. A differenza delle scorse recensioni, in cui lasciavo lo sclero sui Gallavich alla fine, questa settimana inizio proprio da Ian che, dopo le 72 ore di ricovero, lascia l’ospedale con questa diagnosi: “disturbo bipolare di tipo 1, mania in fase acuta con caratteri psicotici”. Il problema è che il ragazzo si oppone alla diagnosi e i suoi familiari devono tenerlo d’occhio, soprattutto devono controllare che prenda le medicine. Compito in cui falliscono, visto che il ragazzo le getta nel bagno alla prima occasione. Sta male, le medicine lo intontiscono e il continuo paragone con Monica non lo fa stare meglio. Lui non pensa di essere malato, crede solo di aver fatto un’idiozia, come Fiona fece a suo tempo con Liam, e ha pagato per l’errore fatto. Vuole semplicemente voltare pagina.

Ma in tutto questo, Mickey non c’è. Non è andato a prenderlo all’ospedale, non è andato a trovarlo a casa, non ha risposto al cellulare, e Ian crede che si stia allontanando a causa della malattia. Ma non è così, Mickey è semplicemente spaventato, perché si trova ad affrontare una cosa a lui ignota e non sa da dove iniziare. Perché questa è una malattia che spaventa, non sai mai cosa potrà accadere e gestirla è davvero difficile. Così pensa di mandare tutto a quel paese, di respingere la malattia bevendo e alienandosi dal resto del mondo, come se in questo modo il disturbo bipolare di Ian potesse scomparire. Ma il discorso di Debbie (che è stata super dolce in tutti i suoi strambi tentativi di procurarsi le medicine per il fratello) sul fatto che l’alcool non allontana le persone, gli fa aprire gli occhi e, così, si presenta a casa Gallagher e si stende vicino al suo amore.

Inutile dire che ero, come al solito, in una valle di lacrime: il modo in cui Mickey guarda e coccola Ian, come si stringe un qualcosa di prezioso che vuoi proteggere ad ogni costo, e come questo stringe il braccio di Mickey, proprio a voler essere protetto e non lasciato solo…


Questi due sono la perfezione, non smetterò mai di dirlo, ma… Ebbene sì, c’è un ma. Questa quinta stagione ci sta mostrando il cambiamento di Mickey, il suo rapportarsi a Ian e il suo modo di amarlo nonostante tutto; ci sta regalando tantissime scene che tolgono il fiato (e dieci anni di vita), ma io voglio un cazzo di limoneuno come quello della 4x08 per intenderci. Che poi chiedere un limone è tanto, visto che a malapena ricordo l’ultima volta che Ian e Mickey hanno parlato. Stanno insieme sì, ma non si dicono una cazzo di parola. Vivono insieme e non limonano, figuriamoci se fanno sesso. Questa cosa per me è inconcepibile, quale coppia non si salta addosso? Io sono una che apprezza gli sguardi, e tra loro ce ne sono mooooolti, ma qualche atto fisico, di tanto in tanto, non guasterebbe.



Passiamo adesso a Fiona e Lip, i due Gallagher che tanto ho criticato in questa stagione. In questi due episodi li ho apprezzati e parecchio; stavo iniziando a perdere le speranze. Fiona è incasinata con Gus, ma non ci pensa due volte sul fatto di tornare a casa per stare vicina al fratello, perché “Family comes first”; per non parlare di tutte le preoccupazioni per Carl (finito nei guai con la legge, ma ne parliamo dopo).

Per quanto riguarda Lip, proprio in occasione della 5x07 mi domandavo che fine avesse fatto il ragazzo che tanto amavo e sostenevo, ma che adesso vedevo lontano. Le risposte sono arrivate, finalmente: è sempre stato lì, soltanto era esausto. Esausto perché vorrebbe sostenere i fratelli, essere presente, ma la sua presenza sarebbe inutile, perché (come per il discorso su Mickey) la malattia di Ian è problematica. Lui l’ha già vissuto con Monica e sa che non è possibile dare aiuto concreto e, anche se si sente in colpa e vorrebbe essere a casa, l’unica cosa che può fare è continuare l’università per assicurare un futuro migliore agli altri fratelli. Ne ho dette di tutti i colori a questo ragazzo e lui se ne esce con questo discorso strappalacrime, beh,  potete linciarmi e dire “te l’avevo detto”, me lo merito. Ma ero troppo accecata dalla rabbia, perché non riuscivo a capacitarmi del fatto che lui, sempre dedito alla sua famiglia, si fosse allontanato per un motivo apparentemente egoistico. E invece eccolo lì, che cerca di sostenere i suoi fratelli facendo quello che gli riesce meglio, usare il suo super cervello e studiare.




Quindi non può rischiare di perdere questa occasione, deve trovare alla svelta i soldi per poter pagare la retta. Decide così di chiamare Kevin e fare quello che facevano col carretto dei gelati, spacciare. Purtroppo i soldi racimolati non bastano e la fine sembra vicina, finché non arriva un benefattore che fa un prestito a Lip. Quest’uomo è un certo Nick Wilter che, laureatosi alla stessa università, ha messo su un business che lo ha fatto diventare ricco; ma anche lui da studente ebbe problemi finanziari: messo al corrente della situazione di Lip dal tipo che si occupa delle rette universitarie, ha deciso di dargli una mano. Tutto questo mette Lip sull’attenti: lui non è abituato a questi gesti (esistono veramente sti benefattori? E perché io non ne conosco nemmeno uno, maremma…), sa che nessuno fa nulla senza essere ricambiato, ma questo forse cambierà il suo modo di vedere le altre persone.

Plus, ho semplicemente adorato la sua scena con Ian. A mio parere il loro è uno dei rapporti più belli dello show: le loro chiacchierate nel furgoncino, il loro essere complici in tutto, il loro spalleggiarsi… mi mancava tutto questo. Quando Ian ammette che c’è qualcosa che non va in lui, Lip è lì a dirgli che andrà tutto bene perché “you got this”, perché Ian è forte e saprà affrontare tutto questo, perché lui gli è vicino e lo sosterrà. Vi prego, regalatemi altri loro momenti, ne ho bisogno, non posso andare avanti a rewatch. 


Non commento, invece, la liaison con la sua professoressa, perché sinceramente non la trovo molto significativa come cosa. Ok, è una bella donna, fossi uomo vorrei farmela anche io, e sicuramente Lip non sarà il primo studente con cui va… Ma c’è altro? Per adesso non lo vedo. Anzi, la cosa mi fa solo innervosire perché il prof che amo non si comporta come lei, ma questa è un’altra storia.

Ecco, me sa che o divento schietta o glie devo fa un disegnino al mio prof

Prima di passare al vero protagonista di questi due episodi, volevo dire due cose su Kev e V. So che non parlo mai molto di loro, ma davvero non c’è stato molto da dire, sono in crisi e hanno deciso di stare lontani per un po’. Solo che mi spezza il cuore vederli così e vedere i loro tentativi di andare avanti, tentativi che falliscono miseramente, visto che loro sono meant to be. L’appuntamento di Veronica con la sua vecchia fiamma Eddie Murphy e tutte le studentesse che Kev si fa al college servono solo a far capire loro quanto davvero si amano e che sono fortunati ad aversi. Che devono affrontare questa crisi insieme.

Verità che capiscono anche da discorsi che vengono da esterni li aiutano: Svetlana fa capire a Veronica che, dopo la nascita di un figlio, non tutti cambiano e diventano responsabili, quindi, anche se lei non è cambiata, è fortunata ad avere Kevin e che non deve odiarlo per essersi responsabilizzato.

Per Kevin l’illuminazione arriva grazie ai ragazzi del college, stufi di vedersi portar via tutte le ragazze da un uomo che ha una sventola come moglie. Una donna che è la migliore tra tutte. Kevin capisce così che potranno esserci anche mille ragazze, ma nessuna raggiungerà la perfezione di Veronica. Nonostante le litigate e le difficoltà, lui ha una famiglia fantastica e non può buttare tutto all’aria. Spero risolvano finalmente le cose, la loro coppia è una colonna portante dello show e anche per gli altri personaggi sono sempre una certezza. Se crollano loro, crollano tutti.




Ma adesso passiamo a lui, il pazzo della famiglia, Carl. Come ben sappiamo, il ragazzo è sempre stato uno scapestrato la cui unica gioia veniva dal bullizzare gli altri, e quest’anno si è dato parecchio da fare per crearsi un’immagine da duro. Inizia così a spacciare e, dopo un inizio un po’ difficile, arriva il primo compito importante: portare un carico di eroina in Michigan.

E fino a qui tutto bene, finché non chiede a Frank di accompagnarlo. Lo sappiamo, di Frank non ci possiamo mai fidare e sappiamo anche che le sue idee nascondono sempre qualcosa: papà Gallagher, che vuole liberarsi di Sammi a tutti i costi, convince Carl a mettere l’eroina sul piccolo Chuckie, perché è così tenero che nessuno sospetterebbe di lui, per poi chiamare la polizia per far beccare i ragazzi. Ed ecco che si scatena il finimondo: Carl scappa, Chuckie viene preso, Sammi si fa venire un attacco isterico e fa arrestare anche Carl.

Prima del processo, ovviamente c’è l’incontro con gli avvocati: l’avvocato del panzerotto gioca la carta del QI, basso per un ragazzino della sua età, mentre quello di Carl vuole puntare sul fatto che quella sia la sua prima condanna. E mentre il panzerotto finisce in riformatorio con una pena minima, Carl si becca la massima (un anno), perché non segue il piano. Lui ci vuole andare in carcere, perché solo lì può imparare tutto quello che a lui interessa, lui è così. E prima o poi sarebbe successo, questo lo dobbiamo mettere in conto. Se poi pensiamo al fatto che ha già degli amici per non aver fatto il nome del suo boss, possiamo stare tranquilli: per dirla alla V “lui dirigerà quel posto”.


Ora io voglio dire una cosa: Sammi mi sta sulle palle, la prenderei a mazzate e in questi due episodi è stata proprio una cessa, ma da un lato la giustifico. Lei ha a cuore solo il benessere di suo figlio, un bimbo talmente dolce, innocuo e ingenuo, per cui il carcere non sarebbe un luogo adatto e sicuro. E anche tutti i consigli che dà al bambino, per quanto scandalosi possano sembrare, sono un tentativo che fa per proteggerlo. Più che altro aspetto il momento in cui Fiona la mandi via di casa a calci nel sedere, perché, cantanto Carl, ha fatto un torto alla sua famiglia.


Credo sia finalmente giunto il momento di lasciarci, anche perché sì, ci sono state tante scene con Frank e la dottoressa molto divertenti, in cui Frank mi è anche garbato, facendo provare alla dottoressa, che ha appena scoperto di avere il cancro, tutto quello che lei non aveva mai fatto, tutto quello a cui aveva rinunciato per la carriera. Ma non è la prima volta che vediamo Frank sereno: quando trova qualcuno da cui scroccare, è sempre di ottima compagnia ;)

Qui il promo del prossimo episodio; fatemi sapere come la pensate J  


Per altre news su Shameless e altri telefilm seguiteci nostra paginasul nostro account  Twitter e sui nostri gruppi (qui e qui).


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Antonietta 

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge