Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
venerdì 11 novembre 2016
Avete già asciugato tutte le vostre lacrime? Io no, questo secondo episodio di The Crown è stato un vero colpo al cuore.





Sapevo che sarebbe successo, eppure non me lo aspettavo così presto. Speravo di potere vedere Giorgio VI, o almeno questo Giorgio VI, interpretato magistralmente da Jared Harris, ancora per un po’.

Quante volte, sfogliando i libri di storia, abbiamo appena battuto ciglio leggendo della morte dell’ennesimo Re? Era un nome in più da aggiungere alla sfilza di Enrico, Edoardo, Giorgio… era difficile potersi connettere con le loro speranze, sofferenze, ambizioni e perché no? Anche follie.




Giorgio VI apparteneva a una generazione di sovrani diversa, una generazione che si è vista costretta a interagire in modo più diretto con il proprio popolo, attraverso la radio prima e la televisione poi. Era un sovrano fallibile, sofferente, balbuziente, eppure estremamente amato dalla sua gente.

Nel recensire questa serie confonderemo spesso la sceneggiatura con la realtà, e l’elogio di un personaggio diventerà facilmente l’elogio della sua figura ispiratrice.
Ma è questo il bello delle serie biografiche, no?

Le ultime scene che vedono il nostro Re protagonista, celebrano la sua tenacia e cercano (riuscendoci), di convincerci che la salute del Sovrano sia davvero in miglioramento. Le battute di caccia e le serate tra drink e duetti danno l’impressione di un uomo vivo e pieno di energie.
È sulle note di Bewitched di Ella Fitzgerald che cominciamo questa recensione, proprio la canzone che Margaret e Bertie cantano insieme.









Life was so hard to bear
Now my heart's antiseptic
Since you moved out of there







Gli ultimi versi di questa bellissima canzone si adattano perfettamente a Elisabetta e a come sembra stia per affrontare il lutto del padre e l’inizio del suo Regno. Come la fine di una parte di se stessa.

Questo episodio ha descritto eventi condensati in pochissime settimane, in netto contrasto con il precedente, nel quale abbiamo visto salti temporali considerevoli. Ciononostante, quasi tutti i personaggi subiscono un mutamento profondo che li riporta ad essere totalmente diversi alla fine dell’episodio, soprattutto nella loro relazione con la nuova sovrana.


Elisabetta e Filippo, in perfetta armonia nei panorami kenioti e nella natura selvaggia (nonostante l’immancabile tendenza alle gaffe di lui), si trovano all’improvviso ad affrontare, oltre alla perdita di una persona amata, anche la fine del loro rapporto così come lo avevano impostato. Gli sforzi di Elisabetta per tenere il marito al suo fianco in ogni occasione e compiacerlo, cedono il passo alla consapevolezza del proprio nuovo ruolo e alla necessità di tenere separati i propri sentimenti dal proprio dovere.
Così si delineano le tensioni che caratterizzeranno il loro rapporto nei successivi anni, e nei prossimi episodi.
E la lettera della Regina Madre, Mary di Teck, è profetica da questo punto di vista.

E mentre piangi la morte di tuo padre, devi anche piangere qualcun altro: Elizabeth Mountbatten. Perchè ora è stata sostituita da un'altra persona:  la regina Elisabetta.
La futura Regina, priva del cognome del marito, avrà sempre meno tempo per guardarlo con ammirazione e sempre meno pazienza per gestire il suo carattere impetuoso.

Per quanto riguarda il rapporto con la sorella, se prima era solo una differenza di temperamento a distinguerle, ora ci pare evidente come entrambe stiano imboccando strade completamente diverse. Elizabeth abbandona lo stupore e la meraviglia della natura Africana, per il rigore della corte inglese. Mentre Margaret reagisce alla morte del padre cercando con maggiore vigore quella libertà e quella trasgressione che le sono proibite.

 Per necessità l’una e per reazione l’altra hanno scelto modi diversi di affrontare il lutto e gli anni che verranno. Difficilmente le rivedremo in armonia dopo questo momento.







Le vere sorelle Windsor 
La morte di Giorgio VI sembra aver spinto tutti quelli che lo amavano a prendere consapevolezza del proprio ruolo nel tessuto politico, nella vita privata così come nelle dinamiche del palazzo.

Il nuovo segretario privato della Regina, Tommy Lascelles, più austero e meno amichevole del predecessore, sembra conoscere tutti i segreti del Palazzo e di sicuro non ignora l’ostilità del principe consorte.  Il suo ruolo sarà centrale nella definizione dei nuovi equilibri interni alla coppia reale.

Altra dimostrazione di forza ci viene dal Primo Ministro Churchill, un uomo che il suo stesso partito non è più intenzionato ad appoggiare, favorendo il molto più giovane Antony Eden. E proprio quando tutti si aspettano che fallisca, perché troppo anziano e troppo poco concentrato alle questioni interne, Churchill sorprende tutti, con un discorso che fa la differenza e che lo impone nuovamente sulla scena come “padre della nazione”.


Le due Elisabetta saranno spesso in conflitto tra di loro.
Quasi in tutti i film biografici dedicati alle sovrane inglesi, ho visto questo momento: quello dell’investitura. Non l’incoronazione vera e propria, ma il momento in cui la donna si spoglia delle sue vesti per indossare quelle del sovrano che intende essere.
In Elizabeth, pellicola su Elisabetta I, il momento in cui la sovrana rinuncia all’amore e decide di sposarsi con l'Inghilterra è sicuramente quello più iconico.
Da quel momento in poi la regina si presenterà in pubblico sempre etera, bianca, inaccessibile.




In Victoria è il momento nel quale la giovanissima regnate, sebbene ancora impreparata, indossa la divisa e decide di uscire a salutare le truppe, pur trattenendo le lacrime per l'ostilità dei presenti.









In The Crown questo momento è quello nel quale Lillibeth viene svestita per indossare l’abito nero, quello per il lutto del padre, momento che culmina con la decisione di scendere le scalette da sola, senza neppure insistere affinché Filippo le stia accanto.
Perché come riporta la lettera della Regina Madre:



“Il punto è che la corona deve vincere, deve sempre vincere”.





Grazie per aver letto la mia recensione! Fatemi sapere cosa ne pensate tra i commenti.:)

La recensione della 1x03, come sempre, sarà disponibile Venerdì prossimo! ^_^

 Seguiteci su Diretta Telefilm per rimanere aggiornati sui nostri ultimi post!
Un piccolo ringraziamento alle pagine che mi condividono:


News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge