Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
giovedì 9 ottobre 2014






Recensione Gotham 1x03 - The Balloonman 

Salve a tutti, cari!
Anche questa settimana siamo tornati nella nostra bella città del crimine ed anche questa settimana, nemmeno a dirlo, abbiamo trovato furti, assassini e altre cose spregevoli come il maglione del Pinguino!




La puntata si apre con una grottesca scena di ordinaria amministrazione in quel di Gotham.
Gente che spaccia, ruba, scazzotta, borseggia e via discorrendo. In tutto ciò, finalmente il Pinguino torna a casa, si guarda intorno estasiato, fa un profondo sospiro e dice quello che tutti noi stavamo pensando: HOME!








Allora, ma siamo sicuri di non essere finiti a Silent Hill??


 
Ad ogni modo, questa settimana Jim si trova a dover indagare su un nuovo crimine.
Un uomo con una maschera da maiale se ne va in giro per la città a dispensare morte. Modus operandi: attacca la vittima ad un pallone aerostatico e lascia che questa venga trascinata in aria fino a morire. 












 Ok, forse questa associazione l'ho fatta solo io!


Come dice Bullock, il crimine perfetto. Niente corpo, niente arma del delitto. Un lavoretto da genio del crimine.
La vittima è un uomo di finanza che, ovviamente, ha fatto la sua fortuna truffando la gente.
Jim vorrebbe indagare, scovare l’assassino ma, al contrario, Bullock pensa che sia il caso di farsi un panino proprio in quel momento, chiarendo che non ha nessuna intenzione di sprecare il suo tempo per risolvere l’omicidio di un uomo corrotto.









Quando si dice la coerenza!

In commissariato Gordon incontra il tenente Cranston. Anche lui brava persona che malmena i delinquenti, salvo poi rubare 4 o 5 dollari per strada ai malcapitati. Insomma un individuo spregevole, sul serio. Lo stesso James lo definisce “un bruto”.















 Diglielo Ygritte!


Senza il supporto di nessuno, Jim non può continuare le indagini e comunque ha altro da fare e a cui pensare. Dunque, dopo aver “chiesto” a Harvey di occuparsi dell’uomo-palloncino, si fa recapitare Selina in commissariato e la porta in giro per scoprire qualcosa di più sulla morte dei coniugi Wayne!
Selina è accompagnata da un assistente sociale assolutamente anonimo, di cui io non ricordavo la faccia né il nome, e che non avrei notato nemmeno per sbaglio. 
Le scene tra Cat e Jim le adoro profondamente. 


Quella piccola delinquente ha sempre un asso nella manica. Racconta la sua verità a Gordon, cerca di provargli che non sta mentendo, è anche un po’ offesa dal fatto che lui non abbia fiducia in lei.
Alla fine, Jim si cala in un tombino, direttamente nelle fogne, per cercare il portafoglio che Cat dice di aver gettato lì. Ma James non è stupido. Sa bene che lo scopo principale di Selina è quello di non tornare a scorrazzare per i vicoli malfamati di Gotham e non essere sbattuta a Nord con gli altri bambini sperduti, e allora la lascia ammanettata mentre si allontana.













 LoL

Cioè, sul serio lui pensava di averla fregata? Ovviamente la cosa finisce con Gordon che calpesta il liquame mentre lei, educatamente, lo saluta e prende il largo.

La scena si sposta nel locale della magnifica Fish. Poliziotto buono (che a Gotham passa per cattivo)  e Poliziotta bona (che a Gotham passa per cattiva)  continuano ad indagare sulla scomparsa del Pinguino. Fish coglie la palla al balzo. Non si fa nessuno scrupolo ad accusare James, lo indica come esecutore materiale, ma precisa che non è il mandante. Il mandante è Carmine Falcone. Carmine Falcone DEVE pagare.
Che poi, la nostra regina della cattiveria, si è già stufata del suo giovane amante. L’unica cosa che le brucia è la ferita del suo abnorme orgoglio.









Immediatamente dopo, piccolo intermezzo del Pinguino. Ammazzatina. E panino con il tonno.










 Vieni anche tu allo spuntino con delitto a Gotham city!


Intanto in casa Wayne Alfred, dopo l’ausilio di James SosTata Gordon, ha deciso di cambiare approccio con il piccolo Bruce.












 Dal Manuale educativo di Westeros


Dopo un iniziale momento di leggerezza e qualche timida risata, però, scopre che il giovane Bruce ha ottenuto in qualche modo il fascicolo della polizia sulla morte dei propri genitori, con tanto di foto ricordo.












 Effettivamente le foto dei cadaveri mi hanno annichilita !


Parentesi serietà. Questo bambino è rimasto solo al mondo. Alfred fa del suo meglio, certo, ma sfido io chiunque a sentirsi in famiglia con qualcuno che lo chiama “padrone”. Il loro rapporto resta comunque formale, sotto un certo punto di vista. Bruce è solo. Viveva nella bambagia, figlio unico di milionari, probabilmente coccolato fino allo sfinimento (lo capiamo dai capelli e dai maglioncini), ed ora invece deve contare su se stesso. Vuole giustizia e comincia, non so nemmeno quanto consapevolmente, a considerare l'idea di farsela da solo. È cresciuto a Gotham. Tanto basta a rendere piuttosto fiacca anche la sua fiducia nel sistema . Non è che non creda nella buona fede di Jim, non crede nelle sue possibilità. Perché è questo che una società corrotta ti insegna. Sono tutti uguali e se anche esistesse qualcuno di migliore non ce la farà mai. Eccola lì, una delle tante piaghe di Gotham, subdola e pericolosa: il qualunquismo. 

La scena si sposta in commissariato. Montoya ed Allen tormentano Gordon. Gli fanno capire che SANNO quello che credono di sapere. Lui in un momento di estrema sincerità dice di non aver ucciso Oswald ma non può dirlo davvero. Non può urlarlo. Non può spiegarlo. Non può discolparsi. L’unica cosa che può fare è comportarsi da colpevole, ed ancora una volta è evidente la sua frustrazione. Deve fingersi nel sistema per distruggerlo ma è terribile. È terribile quando lo accusano degli estranei, ma è ancora peggio quando parla con Barbara. Lei crede in lui. Lei sa che è una brava persona, ma lui sente lo stesso il bisogno di spiegare. Perché forse dicendolo a lei, convincendo lei che sta facendo la cosa giusta, allora convincerà anche se stesso. Perchè ha bisognpo che almeno la donna che ama sappia che sta cercando di fare la cosa giusta.


A proposito di Barbarella! Ci avevamo visto tutti giusto. Lei e la Montoya erano fidanzate. A quanto pare una era una tossica l’altra un alcolista. Ah l’amore!


Due gran belle gnocche, comunque. Fatto sta che Montoya non si arrende. Cerca a tutti i costi di convincere Barbara del fatto che Jim sia marcio e lo fa rispolverando frasi da repertorio come “ci tengo ancora a te” ovvero “meriti di meglio”. Il tutto condito con un bacio rubato che, palesemente, turba la bionda che però la manda via.



Torniamo alle indagini. Grazie alla spontanea testimonianza di un disonesto cittadino, Gordon e Bullock hanno una pista. Qualcuno ha rubato ben 4 palloni aerostatici, il che significa ancora 3 papabili vittime a zonzo per Gotham. Tra l’omicidio di Cranston (che mi ha fatta soffrire tipo la morte di Joffrey), la morte di un prete e un altro paio di panini la trama dell’episodio è il classico canovaccio da poliziesco. I sospetti ricadono su un delinquentello da quattro soldi che si rivela invece innocente (per quanto lo si possa essere a Gotham).
I nostri eroi sembrano brancolare nel buio, il commissario rischia l’esaurimento nervoso, ma una qualche divintà decide di mandare un aiutino dall’alto. Letteralmente. Il corpo di Cranston ricade a terra portando con se il nome dell'assassino: Lamend alias l’anonimo assistente sociale che si trascinava dietro Cat!
Dopo una colluttazione, il tentativo di Bullock di attaccare l’uomo-palloncino alle sue stesse palle volanti, e il salvataggio provvidenziale di Jim che viene a sua volta salvato da Harvey, la situazione si risolve abbastanza bene.
Ma qui, un paio di riflessioni sono obbligate. La prima. Le ragioni di Lamend. Di nuovo, torniamo a quello che dicevamo del piccolo Bruce Wayne. La gente è esasperata, non credo più nella giustizia e nelle istituzioni, tutto è corrotto, tutto è marcio. E allora si capisce che il filo conduttore dell’episodio è il disincanto sociale. Quella sensazione che, probabilmente, abbiamo ben presente anche noi. Il guardarsi intorno e vedere uno che con i soldi delle tasse si compra le mutante, uno va a prostitute, uno si compra casa e chi più ne ha più ne metta. Ed è qui che si degenera. Perché ricostruire come vorrebbe fare Gordon è a tratti utopico e sicuramente faticoso. Agire come Lamend, invece, è veloce, facile, immediato e da anche un po’ di gusto in più. La domanda che bisogna farsi, però, è: e dopo? Se distruggessimo tutto senza avere idea di come fare a ricostruire, cosa accadrebbe? Cosa ne sarebbe di noi? Sinceramente non so darvi una risposta. Non so dirvi cosa sia più giusto o vantaggioso. Io sono una donna di legge, che dovrei rispondervi? Ma è anche vero che trovare la forza, la luce ed il coraggio di combattere in maniera produttiva e non distruttiva, spesso, è difficile. E, ammettiamolo, i politici delle volte te le levano dalle mani!















 Rendo un servizio alla Nazione!


Da qui, la seconda riflessione. Il popolo di Gotham non ce l’ha con Lamend. Lo chiamano il vigilante, gli sono grati per i servizi resi alla società. Prima che uccidesse un poliziotto, addirittura Bullock gli era grato, o almeno restava indifferente! Il popolo di Gotham ha bisogno di qualcuno che vegli su di lui. Di un eroe. Magari tetro, ma pur sempre un eroe. Ha bisogno di Batman.








 Mi sono venuti i brividi *w*


L’episodio si chiude con una magistrale comparsa del Pinguino. Non sto nella pelle per sapere cosa cavolo ci va a fare quel pazzo a casa di Jim!
L’unica cosa che possiamo fare è aspettare la prossima puntata

Per concludere. La vera morale della settimana è: gli omicidi mettono fame!

Voto: 8

A prestissimo, Mika.

9 commenti:

Rossella Gaeta ha detto...

Anche a me sono venuti i brividi nella scena in cui Bruce segue il notiziario, bellissima!
Complimenti, come sempre, per la recensione. Non ti sfugge mai nulla! :D

Mika ha detto...

Rosy sei troppo carina :D Grazie <3

Anonimo ha detto...

e poi quando metti zia Marge che vola via io rido, ma di gusto proprio <3 ! e comunque il kinder Pinguino vince su tutti! grande stratega e opportunista!
Mauris

Aegon Targaryen ha detto...

MA TU MADRE......ahahahahahahahahah T O P !!!

Mika ha detto...

Come potevo non pensare a Zia Marge???? Grande Pinguino!

Daniela ha detto...

Rstupenda serie e bellissima recensione! Le leggo sempre XD
x ora, adoro gotham! Ciao un bacione!

Mika ha detto...

Grazie mille Daniela :D Speriamo che non si perda per strada :D

Elisa baglioni ha detto...

Scusate il ritardo ma ho visto la puntata solo ora!
Mi è piaciuta moltissimo!
e anche la tua recensione, sei spassosissima! :D
Zia Marge mi ha fatto scompisciare! :D
Un abbraccio, a presto!
Eli

Posta un commento

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge