Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
martedì 20 ottobre 2015

 

 
Ritorna l’appuntamento settimanale con Quantico e le sue reclute. Un episodio interessante sotto tutti i punti di vista che non manca di stupire e entusiasmare il telespettatore all’ennesima potenza.


 I toni di questa puntata sono abbastanza frenetici e concitati: si passa da un’azione all’altra senza avere il tempo di pensare o collegare i pezzetti del puzzle che gli autori ci concedono di volta in volta. Il tutto risulta una dinamica successione di eventi che andremo ad analizzare insieme. Partiamo da Alex, il fulcro di tutto lo show. A inizio puntata la ritroviamo iper attiva; fa tanta di quella attività fisica da fare invidia ad un atleta pluripremiato.


 
Ragazzi, quanto la invidio! Vorrei poter fare anch’io quelle trazioni sulla sbarra, e invece gli unici movimenti che riesco a compiere sono quei due tre passi che mi separano dalla poltrona xD
 
In realtà, tutta questa attività è solamente un diversivo per non pensare ai fascicoli riguardanti il padre, che intende gettare via. La giornata deve ancora iniziare e le reclute sono letteralmente tirate giù dal letto per un’esercitazione al poligono. Naturalmente la mira perfetta risulta essere quella di Alex. Mi chiedo se avvalorare o meno la tesi per cui la Parrish durante l’anno sabatico (il 10° anno in India di cui nessuno, nemmeno la madre, sa nulla) si sia addestrata o comunque abbia fatto parte di qualche gruppo paramilitare, come molti di voi mi suggerivano.
 
 
 
Alex eccelle in tutto e per questo trovo strano che l’agente Liam O’connor non la ritenga idonea per l’FBI e spinga Ryan Booth a farle abbandonare l’accademia. Perché la vuole fuori? Nel frattempo assistiamo alla prova della settimana: i ragazzi dovranno simulare un intervento durante una rapina con ostaggi annessi. Alex sembra non voler fare gioco di squadra e alla fine (complice Ryan che le darà una “spintarella” per farle oltrepassare il limite) sbaglierà. La ragazza pensa di essere stata avventata e ha un attimo di sconforto convincendosi di non essere tagliata per il ruolo di agente dell’FBI. Molto incisiva la prova recitativa di Priyanka Chopra che rende al meglio le emozioni contrastanti di Alex.
 
 
A questo punto il compito di Ryan dovrebbe essere concluso, ha ottenuto quello che gli era stato chiesto: Alex intende mollare tutto. Ma l’agente Booth non la pensa in questo modo e, insieme a Miranda, la convince a restare. Questo, lo vedremo più avanti, gli costerà il posto e sarà riammesso all’interno di Quantico in qualità di recluta, al pari degli altri.
La scena che lo vede insieme ad Alex nel solito posto (il bagno comune), quella del chiarimento, della riappacificazione, è molto bella. I miei feelings rischiavano di esplodere da un momento all’altro. Anche se si trovavano nel posto meno romantico del mondo, sono riusciti ad emozionarmi. Finalmente Alex si convince di essere all’altezza di quel ruolo e lo fa grazie a Ryan. E’ stato lui a schiarirle la visuale, a indicarle la via e starle accanto. E quando lei lo ringrazia, si scioglie in un bellissimo sorriso. Bello pure lo scambio di battute: -A “Mi fa piacere” -R “Quantifica il piacere” -A “Forse se sei fortunato un giorno te lo mostrerò”.

Mi fa piacere

Quantifica il piacere

 
Forse, se sei fortunato, un giorno te lo mostrerò.
 
Peccato che nella scena seguente Liam O’connor gli dirà che dovrà addestrarsi nuovamente e che se sbaglierà ancora sarà fuori. L’elemento interessante è che Miranda ascolta l’intera conversazione tra i due tramite una chiamata in diretta con l’agente Booth. Ricordiamo che quest’ultima non era a conoscenza del compito di Ryan. Gliene avrà parlato lui per metterla in guardia da O’connor? I due sono ora alleati?
 
Nei flashforward continua la crociata di Alex verso la verità. Come sospettavo, Simon conduce il doppio gioco pure con la polizia e aiuta la sua compagna a scappare. Si ritroveranno nel salotto di un tizio alquanto strano (il sosia di Francesco Sarcina delle Vibrazioni, in pratica)
 
 
 
che dirà loro un’informazione molto preziosa: il cavetto viene fabbricato dalle industrie Wyatt. Il tipo non parla inglese e Simon non traduce tutto alla lettera. Anzi, dirà proprio una grossa bugia. Vediamo tutti il tizio chiedere (nella sua lingua) se sia coinvolto nell’attentato alla Grand Central Station e lui tradurre ad Alex in modo del tutto errato. Le dirà infatti che il dinamitardo ha chiesto se stessero insieme. Il dialogo continua e Simon conferma chiaramente all’altro di trovarsi lì perché coinvolto.
 
Non sarei qui se non fossi coinvolto, sbaglio?

 
A questo punto mi chiedo se non sia l’ennesimo depistaggio o c’entri veramente qualcosa con l’accaduto. Avuta l’informazione s’intrufolano in casa di Shelby e, quando quest’ultima arriva, Alex scoprirà che Simon complotta con l’FBI. Naturalmente la sua reazione è una diffidenza istintiva nei confronti dei due ex colleghi. Si sente tradita, ovvio.
 
 
 
Al suo posto avrei già dato il benservito ad entrambi, invece lei resta e accusa Shelby. Le dice una frase che mi ha fatto molto riflettere. La frase è la seguente: “Il tuo mondo è caduto a pezzi dopo che ho scopeto la verità sui tuoi genitori”. Quale verità? Possibile che Alex abbia scoperto che non sono morti? In questo modo si aprirebbero altre piste da seguire, ma Shelby ha un alibi. E’ stata all’estero! Nel bel mezzo della diatriba, poi, fa il suo ingresso Ryan Booth (thank God!) che aiuta Alex a farla franca e rapire Shelby.
 
 
 
 
 
 

 
Quanto è figo Ryan? Diciamolo pure, anche col braccio rotto lo è.
 
 
 
 
 
 
 
Le cose si complicano e la scena finale ci mette in allerta poiché viene dato l’ordine di sparare a vista Alex, se mai qualcuno dovesse vederla. Il fatto che ha rapito un agente dell’FBI, purtroppo richiede quel protocollo.
In questo episodio, disseminate nella maglia della trama, abbiamo altre rivelazioni. La prima riguarda la questione gemelle. Nimah fa ritorno all’accademia, dietro suggerimento di Miranda. Scopriamo che Big Mama ha bisogno di entrambe per farle infiltrare in una cellula terroristica, la stessa che ha cercato di corrompere suo figlio.
 
 
 
La seconda rivelazione -squillino le trombe e rullino i tamburi- è che Simon NON è gay. Lo sapevo, o perlomeno lo sospettavo dalle occhiate che riservava a Nimah/Raina. Tutto questo grazie a Elias l’analista che non si fa un pacchetto di fatti suoi. Ti rode, eh?
 
L’ultima rivelazione (non per ordine di importanza), avviene nei flashforward. Scopriamo infatti che quell’odiosa dell’agente Natalie Vasquez sta con Ryan Booth. Un momento, perché??? Come hai osato Ryan?
 
 
 
 
Sono sicura che ne vedremo delle belle. Lasciatemi un commento con la vostra opinione. Baciotti a tutti!
 
VOTO: 8
 
 
 
 
Vi lascio con il promo della 1x05 - "Found" che andrà in onda negli States il prossimo 25 Ottobre.



Vi ricordo, come sempre, di fare un salto sulla nostra pagina facebook Diretta telefilm, sul nostro gruppo e sul profilo Twitter.

Un ringraziamento speciale alle pagine che mi condividono:


 

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge