Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
giovedì 18 febbraio 2016



Salve popolo del mondo dello Ombre!
Voglio partire con il dire che, nonostante questa serie sia, senza possibilità di replica una trashata di dimensioni notevoli,  è un piacere da guardare. Soprattutto ora che siamo arrivate al momento della svolta.
In questo episodio ci hanno spiegato moltissimo, sono emerse tantissime cose e bisogna dar loro atto che siano riusciti ad evitare "l'effetto documentario" in cui talvolta incappano gli sceneggiatori quando lasciano la narrazione in mano ai personaggi.
Clary sta iniziando a scoprire tutto il suo incredibile talento, che chiaramente non è nell'interpretazione, ma nella vita non si può avere tutto. No?
In poche parole, oltre ai capelli rossi, ha ereditato l'incredibile potere di infilare cose nei fogli di carta, ed è la prima volta che non riesco a rispondere alla domanda: cosa farei se avessi questo super potere?
Ad ogni modo è stata una puntata all'insegna dei ricordi, delle spiegazioni e delle grandi scoperte.
E  finalmente abbiamo avuto modo di approfondire il passato del grande cattivone, Valentine. Abbiamo scoperto tanto del suo percorso, di quello che era. Un giovane di belle speranze, attraente, carismatico con enormi capacità. Un leader indiscusso, che però si è lasciato corrompere dal lato oscuro.



Onestamente, non vi pare che questa sia la fine più probabile per gli idealisti? Capita spesso, troppo spesso. Le idee, o le ideologie che dir si voglia, nascono come bambini. Innocenti, cariche di aspettative e possibilità. Ma poi.. poi finisce che non si lascia che la propria idea cresca con noi. La radicalizziamo, la cristalliziamo, la rendiamo intoccabile e questa, invece, si ribella e cambia in peggio. Fatevelo dire da una che l'idealismo lo mastica.
Per questo Valentine è diventato folle. Talmente folle da non vedere quello che tutti intorno a lui vedevano chiaramente. 



Tutto questo, la smania di potere, il rincorrere qualcosa senza sapere neanche più cosa o perché ha portato alla sua rovina. Jocelyne e Luke (il suo parabatai) si sono innamorati, gli hanno voltato le spalle e a nulla è servito il suo piccolo scherzetto con i mannari. Tra l'altro, a quanto pare, quei due hanno scatenato la fine del mondo senza neanche concedersi un po' di fichi fichi extraconiugale. E, davvero, va bene sottolineare la linea di demarcazione tra buoni e cattivi, ma qui ne risente la credibilità. Voglio dire, di quale sovraumana resistenza sono dotati questi ragazzi?
Fatto sta che Valentine perde ogni cosa. Andata la donna che amava e andata la coppa.
E tutto questo, ha portato al Valentine folle che avevamo iniziato a conoscere.


Solo, triste e alla ricerca di una coppa che gli serve per farsi nuovi amici.
Perché altro che piani e piani, quello è un problema di solitudine.

In tutto ciò, quando Luke finisce il suo racconto e nomina Jonathan, finalmente qualcosa scatta in Clary. 



Sblocca il suo potere, almeno in parte. E da qui, capisce dove sia nascosta la coppa. 
Adesso, non scriverò dove  nel caso qualcuno non lo abbia capito, ma penso che lo abbiano reso abbastanza evidente sin dal primo episodio, mostrandocela almeno una mezza dozzina di volte con tanto di musichetta solenne in sottofondo.

Il bilancio degli eventi di questo episodio, comunque, è positivo.
Tutto è bene quel che finisce bene, per il momento.
Magnus è riuscito a salvare Luke, nonostante questo non ne volesse sapere di seguire i consigli dello stregone e riposarsi. Tutto ciò grazie al fondamentale aiuto di Clary nella preparazione della pozione...



E alle commissioni di Simon Cullen e Jace, che trovano qualsiasi pretesto per litigare. Nel caso, l'atteggiamento di Alec. Tra l'altro, anche Jace entra a far parte a pieno titolo del club degli svegli che non si accorgono della trasformazione di Simon. Bisogna dargli atto che, almeno lui, il dubbio se lo sia fatto venire.
Tra l'altro è stato estremamente bello vedere Simon e Jace confrontarsi su una tematica estremamente toccante: l'amicizia. In entrambi i casi, c'è qualcosa che inficia l'idea platonica di rapporto d'amicizia. Simon ha ragione nel criticare l'atteggiamento di Jace nei confronti del suo parabatai, dispotico, talvolta prevaricante; ma Simon prova dei sentimenti che non dovrebbero esistere per la sua migliore amica. E nonostante ciò, non importa. Jace non può cambiare quello che è, e Simon non può controllare i suoi sentimenti, la differenza sta in quello che si è disposti a fare per andare oltre. Sta nel sapere dove pende l'ago della bilancia. E' questo che rende un rapporto vero. Il fatto di essere disposti a scommetterci a prescindere dalla posta in gioco, vincendo.




Ad ogni modo, ho apprezzato moltissimo l'animo multitasking di Magnus Bane, che anche nei momenti più difficili riesce a trovare il modo di occuparsi anche delle cose importanti: fare in modo che noi avessimo i Malec!






E nonostante i dubbi di Simon, Alec alla fine arriva, proprio al momento giusto.



E, davvero la cosa bella è che non l'abbia fatto per Jace. Ma credo che non l'abbia fatto neanche per vedere Magnus, sebbene di certo non sembri contrariato dalle attenzioni che riceve. Considerata la faccia da pesce lesso che assume ogni volta che lo stregone respiri.
Alec è un bel personaggio, e noi siamo arrivati a conoscerlo proprio in un momento topico: quello della scoperta di se stesso ed, in qualche modo, della ribellione.
Non importa quanto la madre lo voglia sposato ed incastrato in un matrimonio di interesse, e quanto sia necessario, e quanto il vecchio Alec lo avrebbe fatto.


Ora no. Ora è saturo.
E l'unica cosa che fa, è correre ad infrangere le regole ancora.
E per farlo, deve andare dallo stregone.
E questo è meraviglioso
Se in una stanza, Simon cockblocca Jace e Clary, nell'altra i Malec ci regalano gioie ..




E ancora gioie ..



E altre gioie ..






Davvero questa doppia personalità di Alec, così serio quando si tratta di uccidere o di compiere missioni e poi improvvisamente timido, è adorabile. Perché certe battaglie, non importa quanto tu sia addestrato, ti lasciano sempre disarmato.
E poi c'è questo!




Che pare sia improvvisato. Cioè a lui gli è venuto così. Spontaneo. E Daddario ha sorriso.



Lasciatemi a rotolare nei miei sentimenti per favore.
Perché non possiamo fare che dedichiamo tutta la puntata a loro due e degli altri anche chi se ne frega?

Okay, mi calmo.

Se da una parte Clary riesce ad aggirare il piccolo problema di aver perso la memoria, dall'altra all'Istituto sembra si lavora per la pace. La famiglia Lightwood vuole tornare ad avere un nome rispettabile nella comunità degli Shadowhunters. Vuole riappropriarsi dell'influenza che le scorribande dei suoi giovani figli, hanno messo in discussione. E qui, non c'è Daddario che tenga, Izzy è stata il miglior personaggio dell'episodio.
In questo episodio ha svestito i panni della donna scarlatta e mi ha commossa, sia come cocca di papà che come sorellona maggiore con un Max assolutamente più simile a lei che al fratello.



Ma l'apice è stato quando i suoi panni li ha svestiti davvero.



Per Alec. Per non costringerlo in qualcosa che non merita. Come se pensasse che sacrificare i propri sentimenti fosse più ragionevole che sacrificare quelli di lui, nell'incrollabile certezza che  chi ama troppo non ama per niente.
Secondo voi durerà?

Non ci resta che attendere la prossima puntata!
A presto Mika!

Valutazione Episodio:


Intanto fate un giro sulla nostra pagina
e sulle pagine nostre amiche:

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge