Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
mercoledì 15 aprile 2015


Di solito la Season premiere di una serie che ci piace è sempre inevitabilmente bella, attesa, travolgente, ricca di trame interessanti e che non fa altro che invogliarci nel proseguire la visione della serie. “Cry Havoc” ci ha innescato esattamente queste sensazioni. Il secondo episodio è invece molto spesso il ritorno ad una calma riflessiva, una puntata di attesa e di approfondimento dei personaggi, (alcuni nemmeno troppo principali) spesso causa di un certo rallentamento. Un senso di insoddisfazione nei nostri deboli e critici animi seriali. Invece... Salem stupisce ancora!





Questo secondo episodio è un mix eccellente di progressione della trama e di introspezione dei personaggi. Qualcosa che piace e diverte, dove non manca nemmeno una certa dose di SANGUE. Nella prima stagione abbiamo dovuto attendere qualche episodio prima di assistere ad uno scontro di rilievo. Ebbene, ecco che bastano pochissimi minuti per capire che il titolo: “Blood Kiss” è decisamente in tema con questo episodio.





MAI, MAI fare arrabbiare Mary Sibley. E' un avvertimento che dovremmo tutti prendere sul serio, perché la strega ci mette davvero poco a risolvere la questione “Mercy” (in questo caso, non proprio un titolo adatto). Del resto dai, Mercy... era davvero il caso di fare una siesta sul dirupo più famoso di Salem dopo aver lanciato un atto di guerra così teatrale alla tua nemica?




Mary però si conferma un personaggio dall'animo piuttosto controverso. Saputo del ritorno bubbonico di Isaac, è disposta ad avvelenarlo per porre fine al rischio dell'accusa da parte del povero giovanotto, ma alla fine desiste presa dalla pietà e dall'affetto verso un amico. L'unico, molto probabilmente, verso il quale Mary abbia mai provato un sentimento di vera amicizia in un mondo di strategie scacchistiche e amicizie ponderate. (Chissà se prima o poi questo gesto le costerà caro). Isaac, per ora, non sembra volerla accusare di niente e anzi, si sente in colpa per tutte le disgrazie patite da Salem, ma mai scherzare col destino. Specialmente se riguarda la cittadina della Contea dell'Essex.

Torniamo al titolo dell'episodio. Oltre al sangue, il bacio. In questo episodio ne notiamo decisamente troppi per parlare di casualità. Lo notiamo tra Anne Hale, dopo che si è materializzata tramite la maschera del babbo a Boston, e la contessa Marburg (peraltro proprio il Blood Kiss del titolo), poi tra la stessa contessa e suo figlio. 


L'idea che mi hanno trasmesso è di un vero e proprio rapporto incestuoso tra madre e figlio. Qualcuno, in un luogo remoto, esulta.



Ed anche tra Mary e il piccolo John (che tra l'altro inizia a mostrare un certo lato sadico). Il bacio, sembra quindi rappresentare un certo canale di comunicazione nel mondo delle streghe. Un simbolismo che neppure Mary, a giudicare dalla sua espressione, sembrava conoscere. Un qualcosa che sono sicuro apparirà di nuovo durante la stagione. 

Visto che l'abbiamo menzionata, parliamo un po' della contessa Marburg (Lucy Lawless), che in questo episodio riusciamo a conoscere meglio. La vediamo, infatti, raggiungere la casa di Cotton e scoprire immediatamente il lato “stregonesco” di Anne. Il colloquio tra la contessa e la giovane Hale avviene nel cuore dell'anima di quest'ultima (la quale nella visione giace in una vasca da bagno, altro leitmotiv della serie). 



Veniamo quindi a conoscenza che la Marburg è una delle Prime Streghe con poca considerazione per le colleghe più giovani di Salem (Streghe dell'Essex? Pff, dilettanti), che ha avuto in passato uno scontro con Increase Mather, e che è piuttosto interessata a cosa succede a Salem e soprattutto all'autrice del Sommo Rito che incombe sulla città. La Marburg scorge i grandi poteri di Anne e sembra volerla come possibile alleata in quello che sarà un ennesimo scontro per il dominio. In ogni caso non mostra alcuna fretta nell'attuare il suo ambizioso piano, per lei la tattica giusta è studiare il nemico a distanza prima di distruggerlo definitivamente. Un insegnamento che Mercy avrebbe dovuto imparare. 



Non è dello stesso parere John Alden. Armato di un coltellino dalla lama rossa (a prima vista pareva una lama laser da Sith), e da qualche aiutino magico direttamente dallo Spirito Guida, parte a caccia di streghe (l'indianina non era molto del parere. E quello sguardo?? mmmmmh).




Il nostro Capitano però è risoluto e il primo che incontra sulla sua strada è Petrus, il tipo strano che abita nella foresta e che spesso ha aiutato le streghe nella passata stagione. A quanto pare è in realtà un doppiogiochista pro-pellerossa, solo che Alden non lo ritene molto utile e non ha bisogno di alleati nella sua guerra personale, a maggior ragione se questi soggetti appartengono a quel mondo di ombre e mostri che ha iniziato ad odiare con ferocia. Diventa quindi la prima vittima della sua caccia. Del resto, ormai, John è una macchina da guerra con un obiettivo ben preciso in mente. La sua determinazione non viene meno neppure con la consapevolezza che, la conclusione della sua opera coinciderà anche con la quella della sua vita, come previsto dal Capo indiano.






Scopriamo qualcosa di più anche sul fissato della scienza appena arrivato in città. Il Dottor Stranam... Wainwright. Il tipo ha un certo carisma, pare evidente. Col suo monologo femminista avrà senza dubbio incantato diverse donne colpite dal suo charme e dalla sua facilità di dialogo, ma questa volta gli va male. Con Mary, come ormai ben sappiamo, non si scherza e il povero dottore viene friendzonato, anzi, nemmeno troppo friend...



Wainwright comunque non mi convince. Per me c'è qualcosa di losco nella sua figura tutta casa e scienza.


Infine arriva Mercy!! Come prevedibile, la piccola apprendista Signora Oscura è sopravvissuta al rogo. Deformata dalle ustioni, decide di fare una capatina dal padre nella sua vecchia casa, non proprio provvista di buone intenzioni. Certo è che la sua scalata al potere ha subito una bella botta rivelando quanto fosse acerba nonostante il forte proselitismo di discepoli. Per distruggere Mary dovrà senza dubbio trovare nuove armi e alleati. In questa ottica sarà molto interessante vedere come si svilupperà la diatriba tra streghe se Mercy e la contessa Marburg dovessero decidere di fare comunella.

In tutte queste vicende, Salem, è destinata ad affrontare una orribile minaccia. Qualcosa di terribilmente oscuro, in grado di far risorgere i morti (Zombie in arrivo?). 







Per scoprire se il cross-over con The Walking Dead ci sarà, non resta che darci appuntamento con il prossimo e terzo episodio della serie!! Ciaooooooooo!




Promo Salem 2x03 - "From Within"




2 commenti:

Passion ha detto...

Bellissima recensione. Mi piace molto ciò che scrivi e come lo scrivi.
Concordo su tutta l'analisi che hai fatto dei personaggi e di Mary in particolar modo.
E il bacio, è vero, è un modo per comunicare la Contessa di Marburg c'è lo ha fatto capire dicendo di aver letto i ricordi di Anne baciandola.
io ho guardato la prima metà dell'episodio con le mani sugli occhi, sbirciando le immagini fra la griglia delle mie dita ahahhaha mi ha fatto davvero tanta paura. Adoro questa nuova stagione
ciao alla prossima
kiss

Alessandro B ha detto...

Grazie mille!!
Concordo con te. Questa seconda stagione è davvero coinvolgente fin dall'inizio, e possiede quel gusto macabro che nella prima stagione faticava a mostrarsi. La Contessa sarà sicuramente un gran personaggio. Una antagonista di tutto rispetto. Vedremo!

Posta un commento

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge