Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
giovedì 29 ottobre 2015



Ed eccoci ad un nuovo appuntamento con Conosciamoli Meglio. 
Lo scopo di questi articoli è quello di farvi conoscere meglio i personaggi delle nostre amate serie tv, che saranno i protagonisti indiscussi.
Insieme cercheremo di analizzare e capire la loro psicologia, il loro temperamento e carattere, il perché del loro essere e delle loro azioni o scelte.
Proveremo insomma, a capire perché li amiamo o odiamo, cosa li rende tanto irresistibili ai nostri occhi, quanto rivediamo o meno di noi in loro.
Un momento per scavare più a fondo nella nostra passione e appassionarci quindi ancora di più, per sentire quelli che già consideriamo amici, reali quanto noi, a cui ci siamo affezionati come ci si lega ad un persona vera. Perché, loro, con quello che vivono e ci fanno vivere sono più che reali.






CHI E'
Il suo nome è Philiph Blake, meglio conosciuto come “Il Governatore” ed è stato uno dei personaggi di punta della scorsa stagione in TWD. Un personaggio che ,di primo impatto si potrebbe definire come pazzo sadico, (basti dire che colleziona le teste di zombi uccisi in specie di acquari) ma è ben più sfaccettato e indefinito.  Egli è il capo autoritario della comunità di sopravvisuti di Woodbury, colpita anch'essa dall'assalto degli zombi.



PERSONALITA'
La sua personalità  malvagia, senza scrupoli, manipolatrice e cinica , lo ha reso, secondo me, l'antagonista più temibile della serie fino ad ora. É alla continua ricerca di capri espiatori ed è un bugiardo DOC , lo fa per liberarsi delle colpe di tutti i suoi misfatti. Nonostante tutto ,grazie al suo carisma, riesce comunque ad accumulare una notevole stirpe di seguaci....Non so voi, ma a me viene in mente il paragone con qualcun'altro.....



Ma se è vero che il carattere di una persona si crea e si “consolida” attraverso le  esperienze, l’educazione, gli esempi, i  valori e l’abitudine, quello di Philiph è il risultato di un passato e un presente piuttosto molesto.
Un infanzia infelice, un padre violento,  la morte improvvisa della moglie e per ultimo una figlia-zombie, non l'hanno reso solo un semplice cattivo, ma una persona che ha sofferto troppo e ha reagito male. E' il classico esempio di umano distrutto dall'apocalisse zombie, quello che ha fatto aveva un motivo, oltre a una vena di follia... 



Le scene più significative che hanno come protagonista Il Governatore, secondo me sono state:


1° scena
L 'imboscata alla milizia del tenente Wells (3x03)
La scena è emblematica e scaccia ogni dubbio sull’affidabilità del Governatore. Da questa prima scena si evince di che pasta è fato quest'uomo. Organizza un imboscata in cui uccide a sangue freddo i soldati per rubare le loro scorte  .“ Mai sprecare una pallottola....dai una fine dignitosa a quel ragazzo” dice ,rivolgendosi a un suo sotomesso e ordinandogli di accoltellare un soldato in fin di vita. Poi, per concludere in bellezza,  ritornato in città  il leader racconta agli abitanti ,ignari, di essere arrivato troppo tardi e che gli zombie ormai avevano fatto razzia del posto senza risparmiare nessuno. 




2° scena
Michonne uccide Penny (3x08)
La scena in assoluto che mi ha colpito più di tutte! Eh si , perchè il nostro caro Philiph ha il suo tallone d'Achille :sua figlia. Penny è una bambina-zombie che lui tiene nascosta in casa prendendosi cura di lei come se fosse ancora umana. Del rapporto padre e filglia ne parlerò più approfonditamente dopo. 
In questa scena ho odiato profondamente Michonne, la quale è stata di una cattiveria paragonabile a quella del Governatore .  E' particolarmente toccante la scena di lui che piange , finora infatti l'abbiamo sempre visto come una persona carismatica, forte e decisa ma adesso lo vediamo per la prima volta debole e privo di difese. La perdita della figlia e dell'occhio (Michonne lo ha accecato durante la colluttazione con un pezzo di vetro) lo ha indebilito sia fisicamente che sopratutto mentalmente .Diciamo che da qui in poi ho visto il Governatore sotto una diversa luce...l'ho biasimato un po' di più per le sue azioni... NON DICO CHE LO GIUSTIFICO ,( sia chiaro !), ma il dolore che ha provato è comprensibile perchè benchè sotto forma di zombi, si trattava sempre di sua filglia. Inutile dire che la morte di Penny ha segnato una svolta e da questo momento è GUERRA aperta!! 






3° scena
Il confronto con Rick (3x13)
Andrea organizza un incontro tra Philip e Rick, Philip detta le sue condizioni: per lasciare in pace il gruppo di Rick, vuole che in cambio gli sia consegnata Michonne, la responsabile della morte definitiva di sua figlia Penny. Ma è l'ennesima menzogna:  il suo vero piano è quelo di farsi consegnare Michonne da Rick per poi rompere il patto e uccidere tutto il gruppo della prigione. Siamo alle solite: il Governatore vuole si vendetta, perchè vuole uccidere Michonne, ma non si accontenta solo di questo: vuole espandere il suo potere. Ormai non ha più nulla da perdere, prima c'era la figlia che lo tratteneva dentro le quattro mura di Woodbury adesso è tempo di uscire e conquistarsi nuovi spazi. É megalomane e spietato, però è così che un vero cattivo si comporta. Lui è per il “tutto o niente”, “sarebbe un fallimento della mia lidership”  dice. É un incontro del tutto verbale che ci fa capire anche quanto i due siano diversi e simili allo stesso tempo. Entrambi sanno che una pacifica convivenza sarebbe difficile se non addirittura impossibile, benchè poi Rick per evitare spargimenti di sangue terrà in conto anche questa opzione. Anche Rick alla fine decide di non dire la verità, sulla proporta di barattare Michonne ,al resto del gruppo ( la dice solo a Hershel). Ma mentre lui mente per spingere il gruppo a non arrendersi e a combattere per difendere qualcosa a cui tengono ( la prigione), Philiph racconta bugie esclusivamente per scopi egoistici, per farsi ammirare dalla sua gente . 


4° scena
Il Re degli scacchi (4x06)
Siamo alla 4° stagione e dopo il tentato assalto alla prigione andato male, il G. si ritrova tutto solo a vagabondare in cerca di un rifugio sicuro e un pasto caldo. Viene accolto dopo un iniziale scetticismo da  alcuni superstiti  formato da padre, molto malato e in fin di vita, le sue due figlie e una nipotina, che gli ricorda tanto Penny . Il clima di guerra è scomparso e ha lasciato posto a  un vuoto nel cuore e nell'anima di Bryan, così si fa chiamare adesso. Cambio del nome significa non voler essere più identificato con chi era prima ; troviamo un personaggio diverso dalla scorsa stagione, o almeno così appare, è taciturno e schivo ma lentamente si apre con queste persone e si lega in modo particolare alla piccola Megan, grazie alla quale sembra riemergere il suo senso paterno perduto. Anche la bambina è molto legata a lui e lo stima molto e lo paragona al re degli schacchi.  Brian ora  è un uomo che ha perso tutto, la sua città, il potere e sopratutto la battaglia ma a quanto pare sembra che gli sia stata concessa una seconda possibilità di dimostrare che ,dietro a quella corazza da tiranno, in realtà esiste un uomo capace di proteggere le persone che ama, cosa che nn è riuscito a fare in precedenza. Chissà, forse potrebbe cambiare e uscire dal tunnel oscuro e insidioso in cui sembra si sia irrimediabilmente perso....





5° scena
L'uccisione di Martinez ( 4x07)
In questa puntata il G. riincontra Martinez,ex concittadino di Woodbury, ora ha lui il comando del suo gruppo e pur serbando qualche riserva, accoglie il G. all’interno del proprio accampamento. La sbagliata convinzione di Martinez è che la nuova famiglia sia stata in grado di salvare il G., di trasformarlo in un uomo più facile da gestire, da controllare. Purtroppo per Martinez sembra proprio che il nostro G. non sia cambiato affatto. Eh no lui non ci sta sotto il comando di un'altro...HE 'S THE KING! Questo errore costa caro a Martinez che viene ucciso prima colpito da una mazza da golf e poi trascinato nella fossa degli zombie da dove peraltro aveva tirato fuori il G. La cosa che mi ha fatto un po' pensare è la frase -non voglio farlo!- che il G. grida mentre da in pasto il povero Martinez agli zombi affamati. Questa frase che lui dice ripetutamente ci fa capire come una parte di lui non vorrebbe fare ciò che sta per fare, è come se dentro di lui si stia combattendo una guerra tra il bene e il male.
Secondo me vorrebbe essere una persona diversa da come in realtà è , e lo vorrebbe fare non tanto per lui, ma per la sua nuova famiglia, sopratutto per Megan alla quale non è riuscito a  dare una risposta alla domanda :-noi siamo i buoni?-  Con la morte di Martinez si comprende che il G. è tornato lo stesso gelido dittatore della scorsa stagione. 




6° scena 
Il governatore uccide Hershel ( 4 x08 )
A parte che tutta la puntata è stata stupenda, dall'inizio alla fine, un turbine di emozioni, sicuramente il fulcro è stata la morte di Herschel, più ancora della morte del G. stesso. Dico questo perchè in ogni caso ce lo aspettavamo che il G. facesse una brutta fine, se non altro per confermare la regola che il bene vince sempre sul male, no?? Ma la morte di Hershel, almeno per me, è stata del tutto inattesa. Partiamo dall'inizio: Il G. vuole a tutti i costi conquistare la prigione e per farlo prende come ostaggi Michonne e Hershel. Dopo aver convinto il suo gruppo, del quale ora è al comando, ad armarsi e partire giuge alla prigione e lancia un ultimatum a Rick: abbandonare il posto o assistere impotenti all’esecuzione dei due ostaggi. Rick prova a convincere il Governatore ad arrivare a una soluzione pacifica, ma lui taglia la testa a Hershel dando il via a una sanguinosa battaglia tra le due fazioni, a cui si unirà presto quella degli zombie. Ora,una domanda sorge spontanea ( anzi più di una...alla Marzullo) :  perchè il G. non uccide Michonne invece di Hershel? Insomma, non è quello che ha desiderato da quando lei ha ucciso la figlia? Aveva davvero intenzione di provare a prendersi la prigione senza spargimenti di sangue? Diciamo che voleva quantomeno provare a credere a quella sua stessa bugia, ma anche solo la scelta di uccidere Hershel e non Michonne, lascia presupporre interessi non esattamente pacifici. Far fuori Hershel inoltre vuol dire uccidere il padre spirituale e con esso l'elemento più compassionevole dell'intero gruppo e costringere Rick a quella lotta cercata fin dall'inizio. 
Lo scontro termina con la distruzione della prigione, la dispersione del gruppo, la morte del Governatore. Un'altra domanda mi sono posta: capisco il carisma, il terrore che può incutere quest'uomo ma come è possibile che un gruppo decida di attaccare una fortezza ben protetta istigato da un tizio appena conosciuto? Il Governatore non è più a Woodbury ma è l’ultimo arrivato in un gruppo che l’ha inspiegabilmente subito eletto come capo . Come ha fatto a conquistarsi così velocemente la fiducia di persone che lo conoscono a mala pena? Beh, ancora non me lo spiego. Alla fine il G. muore per mano prima di Michonne, che lo trafigge con la sua spada, e poi di Lily che lo finisce con un colpo di pistola. 

BOTTANA!!


ISTINTO PATERNO

Durante la sua permanenza nella serie , il nostro G. ha instaurato varie relazioni anche amorose ( prima con Andrea poi con Lily) ma nessuna di esse vale la pena parlarne tanto quanto il rapporto padre- figlia. Eh si, anche i tiranni hanno un tallone di Achille. Infatti dietro al lato tenebroso del G. si cela anche un aspetto labile della sua personalità, che sopratutto nelle primissime puntate è saltato fuori. La fragilità di questuomo ha un nome : Penny. Penny è sua figlia , credo di 10 anni o giù di li, trasformata in zombie  che l'uomo accudisce  in casa tenedola nascosta, chiusa e legata in una cella.L'uomo non riesce ad accettare la morte della bambina, continuandola a trattare come se fosse ancora viva, pettinandola e cantandole la ninnananna. In queste scene si evince tutta la tenerezza e l'amore per questa figlia “perduta”. Tutte le sue scelte, finchè Penny non è stata uccisa da Michonne, avevano come scopo principale la sua salvaguardia. Il tenerla rinchiusa, incatenata, dandole come pasto carne umana, ha qualcosa di sadico,direi....molto....tuttavia è da una parte comprensibile il fatto di non riuscire a staccarsi definitvamente da lei. É come se continuando ad accudirla come umana, il G. volesse in qualche modo reprimere il pensiero di non essere riuscito a proteggerla quando era il momento. La scena in cui le spazzola i capelli,è un tentativo al riscatto: ci mostra tutto il suo risentimento ad essere stato, probabilmente, un padre poco presente, più preoccupato per il suo lavoro che per la famiglia.  “Ci potrebbe essere una traccia di quello che erano, intrappolata in loro” è questo che crede il governatore, è la speranza che sua figlia ci sia ancora dentro quell'essere alla'apparenza cosi mostruoso!! Non a caso Penny è tenuta prigioniera in attesa che Milton trovi una cura all'epidemia. Il momento della morte di Penny è stato straziante: molto commovente!! Nel corso della serie riavremo modo di vedere questo suo lato tenero e protettivo quando incontrerà Megan che in qualche modo sostituirà la figura di Penny. C'è da sottolineare un aspetto del suo carattere: nonstante abbia questi sprazi di tenerezza, il suo essere amorevole è egoistico. “Ci sono le mie figlie li dentro, è a loro che farai del male. Se tu capisci cosa si prova ad avere una figlia, allora come puoi minacciare di uccidere quelle degli altri” gli dice Hershel prima che raggiunga la prigione, “Perchè non sono le mie” è la sua gelida risposta. Non credo ci siano altri commenti da fare......




Ho trovato  questo video che secondo me racchiude tutti i tratti salenti delle scene in cui è presente il Governatore, spero vi piaccia!! 

Ciao!!!!

-Letizia-

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge