Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
mercoledì 28 ottobre 2015

Se fossi stata io a scegliere il titolo dell' episodio, non sarebbe stato di certo questo.
Non c'è niente per cui ringraziare...
Abbiamo assistito ad una serie di eventi che ci hanno dato più ansie che gioie, anche se effettivamente questo è uno dei punti cardine di TWD.
Senza spargimenti di sangue e confusione non avremmo motivo di guardarlo.



Purtroppo, questo non  rende più facile da ingerire la pillola amara che ci hanno fatto ingoiare questa settimana.
Ma partiamo dall'inizio.
Mentre ad Alexandria gli abitanti rimasti combattono contro i wolves, Rick e il resto del gruppo si trovano ad immaginare soltanto quello che sta accadendo e questo aumenta la loro preoccupazione.
Hanno sentito il rumore del clacson e nulla più.
Possono solo cercare di ritornare presto a casa e sperare che ci siano dei sopravvissuti.
Conosciamo bene Rick, masochista e amante delle situazioni impossibili, e non ci stupisce che ancora una volta abbia voluto fare l'eroe.
Per questo decide di tornare indietro e prendere il camper con cui allontanare gli zombie dalla sua recente casa.
Sembra una sciocchezza, se non si calcola il rischio di fare da merenda ad un branco di non morti.
Obiettivamente, però, era importante che lui lo facesse.
Tutto è andato a monte, e lui è uno dei pochi che può aiutare a migliorare la situazione.
Glenn e Michonne conducono, invece, gli altri del piccolo gruppo ad Alexandria, ma prima che possano fare soltanto centro metri, si ritrovano attorniati da alcuni zombie.
Due persone vengono ferite e proseguire diventa ancora più complicato.
Per questo decidono di fermarsi in una piccola cittadina, cosa sin troppo pericolosa e che approvo ben poco.


Ma qui accadono due cose importanti.
Glenn, chiamato anche l'uomo delle pizze, decide di creare un diversivo per gli zombie che si stanno lentamente avvicinando;vorrebbe incendiare un edificio per farli allontanare, ma non tutto va secondo i piani.
L'edificio, infatti, è già distrutto e Glenn non può fare altro che scappare con Nicholas che ha deciso di aiutarlo nell'intento.
La fuga disperata ci ha messo lo stomaco in subbuglio, e quello che è successo dopo ancora di più.
Mi piace il coraggio e la sua intraprendenza ;il suo modo di agire si avvicina molto a quello di Rick .
Sarebbe stato un degno leader col tempo anche lui.
Invece,Michonne è ancora intrappolata nel negozio, dove si sta nascondendo dalla mandria di zombie, in cui si trova anche Heath.
Ma facciamo un passo indietro.
Prima di allontanarsi, Rick ha chiesto a Glenn e Michonne di tornare ad ogni costo ad Alexandria e per farlo, di non guardarsi indietro se qualcuno fosse stato attaccato.
Insomma, gli ha detto di proseguire sempre e comunque.
Il nuovo motto è JSS, no?




Heath, che ha sentito tutto, è giustamente turbato dalla frase, perché crede che significhi che conti solo il ritorno di Genn e Michonne.
Per quanto ne sa potrebbero lasciare gli altri al primo incrocio e questo implica morte certa.
Onestamente, apprezzo il fatto che ci sia qualcuno che ancora ha quei valori che contraddistinguevano Rick nella prima stagione, e che conti di salvare tutti.
 Ma il discorso di Michonne, per fargli comprendere che a volte bisogna arrivare a dei compromessi per riuscire a sopravvivere è giusto.
Insomma, Heath non si è trovato ad un passo dal diventare un prosciutto ( 5 stagione...per non dimenticare).
Molto significativo e ben inserito nel contesto, secondo me, è il momento in cui si specchia nel fiume con il viso insanguinato, perché il ragazzo comprende davvero cosa intendesse Michonne.
Bisogna provare sulla propria pelle qualcosa, per capirlo veramente.
Credo che l'abbia proprio capito mentre vedeva gli zombie sbranare un'amica.





Nel frattempo Daryl che sta conducendo insieme ad Abraham e Sasha gli zombie che ancora li seguono, preoccupato per la situazione decide di cambiare strada. 
Solo più tardi, decide di tornare sui suoi passi e tornare a dirigere la massa lontano dalla città.
 Non credo di aver compreso questo suo atteggiamento, ma non tanto per la sua decisione di andare ad aiutare gli altri, più che altro per aver cambiato nuovamente idea.
Vedo dell'incoerenza nel gesto.
Per quanto mi riguarda , avrei preferito che fosse andato da Rick e aiutarlo, dato che ne aveva davvero bisogno, o almeno che fosse tornato da solo ad Alexandria in cui c'erano solo poche persone davvero adatte a proteggerla.
Ha solo perso tempo.




Rick, così, dopo aver ucciso due zombie, tagliuzzando oltre ad essi anche la propria mano, arriva finalmente al camper. 
Ma se credevamo che andasse tutto come aveva stabilito, ci sbagliavamo
 Un uomo armato, uscito dalla botola delle sfighe dello sceriffo, lo assale e per poco non lo uccide.
Fortuna che Rick ci abbia fatto il callo con gli imprevisti, e riesca a salvarsi sia da questi che dai suoi colleghi che come idioti non hanno capito che potevano essere visti nello specchietto.
Come è possibile essere assassini così poco furbi?  




Ma arriviamo alla cosa peggiore e allo stesso tempo meravigliosa dell'episodio, per come ci abbia messi sul filo del rasoio.
Glenn e Nicholas vengono scoperti da una marea di zombie affamati e cercano di scappare.
 Purtroppo, giungono in un vicolo cieco, alla cui fine si trova un recinto spinato e un cassonetto che diventa per pochi minuti un vantaggio sui non morti.
Sono attimi interminabili e la speranza si affievolisce pian piano, ma comunque, avendo una smisurata fiducia su Glenn che è scampato alla morte più volte di Rick che ha istinti suicidi, non temevamo il peggio.
Ma si sa, se hai un cretino al tuo fianco, le opzioni sono due, morire o uccide il cretino. 
Nicholas ,infatti, si spara, non vedendo alternative, e trascina con se Glenn sulla massa di zombie, lasciandoci sbigottiti nel vederli, mentre i vaganti giocano con delle interiora in modalità "Allegro chirurgo".
Se da un lato ho amato la confusione, l'adrenalina e una specie di ritorno alle origini di TWD, dall'altra ho odiato che sia morto uno dei protagonisti migliori di questa serie tv.
Io ho...avevo una predilezione per quest'uomo che da fattorino è diventato un supereroe, agendo sempre nella maniera giusta e riflettendo bene prima di compiere ogni sua azione.
Lo abbiamo amato anche per la sua storia con Maggie, a cui ha dato una ragione di vita dopo la morte di tutti i suoi cari....ma potremmo aspettarci un suicidio in futuro...
Comunque, non è solo la sua morte la cosa che mi ha infastidito (per non dire che mi ha distrutto, provocato sfiducia e disperazione) ma il modo in cui è avvenuta.
Lo abbiamo visto attraversare Atlanta in mezzo ad un'intera popolazione di zombie insieme a Rick, e sopravvivere all'invasione nella prigione.
Non può morire in questo modo banale.
Persino Beth è stata quasi un'eroina nella sua morte, e non era coraggiosissima.
Per questo mi va di sperare nelle teorie complottiste che affermano sia ancora vivo.
Si pensa che siano gli organi di Nicholas quelli, e io ci spero tanto.
Vorrei che la sua storia avesse una finale migliore, combattendo e non in conseguenza di un errore altrui...non chiedo troppo!







Vi ringrazio per aver letto la recensione.
Vi aspetto la prossima settimana, per commentare insieme l'episodio 6x04 "Here's Not Here" di cui vi lascio il promo.
Un bacio, Claudia <3




Voto: 8



Un ringraziamento va alle pagine che pubblicano le mie recensioni.


News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge