Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
sabato 12 dicembre 2015

Ladies and gentlemen, ecco a voi i pezzi grossi del cinema e della TV che si contenderanno il "Globo d'Oro" nella notte del Gennaio del 2016.

Non mi limiterò a fare un freddo elenco di nomi, che magari molti di voi non hanno neanche mai sentito parlare, ma vogliamo farveli conoscere, farvi magari appassionare alle loro serie, e chissà potreste trovare tra quelle decine di nomi quell'attore o attrice che non vi farà dormire la notte perché le strarete passando tutte a guardare ogni loro film o serie.
È opportuno dividere le nomination in due gruppi separati: CINEMA e TELEVISIONE.
Bene, partiamo dalla prima! La seconda parte, ovvero quella della TV sarà presente in un altro articolo.

CINEMA:


Si preannuncerà uno scontro davvero alla pari nella categoria MIGLIOR FILM DRAMMATICO, con film di altissimo livello e tutti così diversi l'uno dall'altro.
Grande successo sembra avere Carol, che vede protagonista la meravigliosa Cate Blanchett. Alla cabina di regia troviamo Todd Haynes, che ricordiamo per un altro capolavoro come Lontano dal Paradiso.
Ma Carol (che ricordo si basa sul romanzo di Patricia Highsmith) deve fronteggiare anche altri validissimi titoli. L'ostacolo principale sembra essere posto da un genio indiscusso del cinema, ovvero il messicano Alejandro Gonzàlez Inàrritu con il film Revevant - Redivio, dove troviamo come protagonista quel gran pezzo di Oscar (i'm so sorry) Leonardo DiCaprio.
Se in Carol viene affrontata la delicata tematica dell'omosessualità, questo risulta essere un film con tratti autobiografici, ispirato alle vicende del cacciatore Hugh Glass.

Tuttavia non possiamo dimenticare il ritorno della saga di Mad Max, prodotto dal colosso della Warner, diretto da George Miller (uno che di premi se ne intende), quindi qualcosa dal valore assicurato.
Ma dagli scenari post apocalittici (ah, dimenticavo, date un'occhiata al film, Charlize Theron non la vediamo mica tutti i giorni in pellicole del genere!) non possiamo che passare ad una storia che più attuale di questa non si può: sì, sto parlando di Spotlight scritto e diretto da Tom McCarthy.
Attuale perché quest'ultimo deve essere considerato come una vera e propria indagine sulla pedofilia nella Chiesa. Tematica scottante, ma con due pilastri del cinema contemporaneo come Mark Ruffalo e Michael Keaton, sono sicuro che varrà la pena guardarlo!
Ultimo ma sicuramente non per importanza è Room, che dobbiamo definire come emblema della drammaticità, infatti questo film, diretto da Lenny Abrahamson, è un riadattamento del libro della scrittrice Emma Donoghue, Stanza, letto, armadio, specchio.
Non è presente un cast stellare, ma le presenze di Joan Allan e William H. Macy, dovrebbero invogliarci a dargli una possibilità.

Pertanto risultano essere candidati come MIGLIOR REGISTA:
- A.G. Inàrritu (Revevant);
- T. Haynes (Carol);
- T. McCarthy (Spotlight);
- G. Miller (Mad Max: Fury Road);
- Ridley Scott (Sopravvissuto - The Martian).

Passiamo ora a tutt'altro genere, per la categoria MIGLIOR FILM COMMEDIA O MUSICALE concorrono film di grandissimo impatto.
Partirei proprio dal già citato The Martian che è stato già acclamato da tantissimi fan, e dove possiamo ammirare un'egregia interpretazione di Matt Damon. Questa pellicola di fantascienza non è qualcosa di nuovo per Scott dopo i già acclamati Alien, Blade Runner e Prometheus.
Quindi datevi da fare e partite anche voi in direzione Marte!
Notiamo come molti film candidati sono riadattamenti cinematografici di libri (tra l'altro sembrano non godere dello stesso successo del film), e tra questi anche La Grande Scommessa (The Big Short) che per l'appunto basato sul libro di Michael Lewis The Big Short: Inside the Doomsday Machine.
Il film ripercorre i momenti antecedenti alla grande crisi finanziaria tra il 2007 e il 2008. Va visto assolutamente per un altro motivo: il cast. Figurano attori come Brad Pitt, Ryan Gosling, Steve Carell e Christian Bale.
Nella commedia Trainwreck invece troviamo una motivatissima Amy Schumer, che nonostante la poca esperienza nel cinema se la cava alla grande. La storia che si palesa è assolutamente strana, che però non voglio raccontarvi perché è un film che non potete evitare. Ah, da sottolineare le presenze di Daniel Radcliffe, Ezra Miller, John Cena e LeBron James.


Gli ultimi due film candidati sono assolutamente diversi l'uno dall'altro.
Il primo di cui voglio parlarvi è Joy, un film scritto e diretto da -David O. Russell. È un film che dovrebbe altamente interessarci, poiché a mio avviso riscontriamo molti aspetti peculiari della società americana. Su come arriva il successo e il sudore per guadagnarlo.protagonista non niente di meno che un italo-americano. Il film narra la storia di Joy Magano, interpretata da Jennifer Lawrence, che ormai è fissa nei piani alti del cinema. Joy è la creatrice della magica scopa per pulire i pavimenti: la Miracle Mop.
Tra l'altro vi appunto le presenze di Robert De Niro, Bradley Cooper e della nostra connazionale Isabella Rossellini.

L'altra pellicola è il tipico esempio di commedia-azione americana. La protagonista è quella meravigliosa donna di Melissa McCarthy e il film è Spy, diretto e prodotto da Paul Feig che non è la prima volta che collabora con la protagonista. Vi attendono tantissime risate assicurate!


Ora non mi resta che concentrarmi per quanto riguarda il cinema sugli attori e sulle attrici che hanno reso grandi le pellicole presentate ai Golden Globe.
Come MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO vi è un blocco di grandissimi interpreti:

- Bryan Cranston (Trumbo) 
- Leonardo DiCaprio (Revevant)
- Michael Fassbender (Steve Jobs)
- Eddie Redmayne (The Danish Girl)
- Will Smith (Zona d'Ombra)

Li conoscete tutti benissimo, B. Cranston ha ottenuto la gloria per la fortunata serie Breaking Bad ma anche nel cinema può vantarsi di aver partecipato alla messa in scena di film famosi come Argo, Little Miss Sunshine e Salvate il soldato Ryan.
Leonardo DiCaprio non ha bisogno di alcuna presentazione, il nome lo precede, ma soprattutto la costanza nel migliorarsi, la bravura, la fama e anche la fortuna di essere stato presente in film straordinari e tra questi ricordiamo: Titanic, Inception, Django, Il grande Gatsby, J. Edgar, The Departed, The Avitor e tantissimi altri.
Eddie Redmayne è la bella speranza della nuova generazione. Talentuoso, duttile, capace, bravo,
determinato, che non si limita ad interpretare ma entra totalmente nel personaggio facendolo suo. Questi sembrano essere cuciti perfettamente su di lui. L'Oscar è il giusto riconoscimento per il suo duro lavoro.
Will Smith. Ci sono sempre poche parole per descrivere quest'uomo e quest'attore. È vero, ultimamente non sta avendo molta fortuna, ma il suo talento è intramontabile. Questa candidatura di certo lo rilancia alla grande, non dimentichiamo film come Alì e La ricerca della felicità.
Infine Michael Fassbender è il nome che tra questi sembra fare meno rumore. Ma attenti, se anche la sua carriera sia iniziata poco più di dieci anni fa (sicuramente più esperienza di Redymayne) ha sicuramente il vanto di aver lavorato per pellicole importantissime: 300, Bastardi senza gloria, X.Men, Prometheus e 12 anni schiavo. Tuttavia in questo film (insieme a Kate Winslet) si è assolutamente superato.

Mentre si contendono il premio come MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO:

- Cate Blachett (Carol)
- Brie Larson (Room)
- Rooney Mara (Carol)
- Saoirse Ronan (Brooklyn)
- Alice Vickander (The Danish Girl)

Secondo i rumors sembra avere Cate Blachett il vantaggio sul resto delle colleghe, ma non fidiamoci dei pronostici, anzi andiamo a vedere questi film e facciamoci noi un'idea.
C'è chi ha appunto grande esperienza come Cate, ma anche chi come Rooney Mara sta avendo Urban Legend 3. Giovane, bella e già con una propria storia alle spalle con il grande cinema è invece Saoirse Ronan. Brooklyn è l'ultimo grande film a cui ha partecipato, e prima di questo ricordiamo Grand Budapest Hotel e Espiazione.
successo proprio con questo ultimo film. Per lei tanta TV prima, per poi sbarcare sul grande schermo con
Alicia Vickander è una di quelle che ha iniziato giovanissima a recitare, ed ha già avuto l'opportunità di mettersi in mostra in pellicole come Il quinto potere e Anna Karenina.
Similmente alla sua carriera dobbiamo infine parlare di Brie Larson che non si accontenta di recitare, ma anche per un album, Finally out of P.E. 

Passiamo ora alla categoria MIGLIOR ATTORE IN UN FILM COMMEDIA O MUSICALE.
Cercherò di essere più celere soprattutto per non togliere spazio alla TV.
I grandi nomi sono assolutamente presenti anche qui.
Matt Damon, ha una carriera invidiabile con tanto di Oscar (1998). Will Hunting, Salvate il soldato Ryan, The Departed, Bourne, Syriana e Invictus sono capolavori.
Al Pacino. Ne devo anche parlare?
Mark Ruffalo da più di dieci anni a questa parte rientra tra i migliori attori in circolazione. Intraprendenza e carisma sono le sue più importanti qualità. Fatelo vincere, non voglio ritorni verde.
Nella film La grande scommessa però ci sono due avversari che si affrontano in questa categoria: Christian Bale e Steve Carell.
Quest'ultimo non è nuovo ai Golden Globle, avendolo vinto nel 2006 grazie a The Office. Se dovessi descrivere lui con una parola direi "poliedrico".
Bale invece è uno devi volti più amati del cinema. Oscuro, ambiguo, pragmatico. Film come Batman Begins, Il cavaliere oscuro, The Fighter lo hanno consacrato. 


Ma non diamo solo spazio agli uomini, ecco la categoria MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM O COMMEDIA MUSICALE.
Un gruppo di donne fantastiche che hanno strameritato di essere qui.
Partiamo dalla ragazza di fuoco Jennifer Lawrence che lentamente sta surclassando tantissime attrici. Giovane ma non per questo inesperta. Ha portato con sé già un Oscar e la sua sembra essere una carriera in grandissima ascesa.
Lily Tomlin dopo un bel periodo ritorna sul grande schermo col film Grandma. L'attrice non ha nulla da imparare. Ha grandissima esperienza, e va ricordata soprattutto per il capolavoro Nashville per cui le è valsa la nomination all'Oscar.
Melissa McCarthy non ha bisogno di presentazioni. Dal ruolo di Sookie in Una mamma per amica, che le ha dato notorietà, l'attrice statunitense ne ha fatta di strada.
Le amiche della sposa per la prima volta la lanciano alle candidature agli Oscar, tuttavia soltanto in Spy finalmente ha il suo meritato ruolo da protagonista.
Amy Schumer è giovane ma assolutamente talentuosa. Nella sua verde carriera ha già messo in cassaforte due Emmy Award. Viene considerata come il nuovo volto della comicità statunitense. Bhe, non possiamo che augurarglielo!
Ho voluto lasciare questo nome per ultimo, perché per una volta non voglio essere assolutamente imparziale, quindi non odiatemi per questo.
Dame Maggie Smith Cross. Icona senza tempo. Pilastro portante del cinema e della TV.
La sua voce e il suo accento sono inconfondibili. Ha percorso tantissime strade. Partendo dalle interpretazioni nelle tragedie shakespeariane fino al grande cinema con due Oscar (California Suite eLa strana voglia di Jean). Ma lei sembra aver avuto tante vite: si è assolutamente rinnovata con la saga di Harry Potter (non poteva esserci Mcgonagall migliore) per poi piombare con tutta la sua magnificenza e brillantezza nella famosa serie Downton Abbey. Chapeau.


MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA          MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

- Paul Dano (Love & Mercy)                                      - Jane Fonda (Youth - La giovinezza)
- Idris Elba (Beasts of No Nation)                        - Jennifer Jason Leigh (The Hateful Eight)
- Mark Rylance (Il ponte delle spie)                           - Helen Mirren (Trumbo)
- Michael Shannon (99 Homes)                                 - Alicia Vikander (Ex Machina)
- Sylvester Stallone  (Creed)                                       - Kate Winslet (Steve Jobs)


MIGLIOR SCENEGGIATURA

The Hateful Eight
- Steve Jobs
Room
- Spotlight
- La grande scommessa 

Se degli ultimi tre abbiamo già parlato, dei primi due dobbiamo approfondire adeguatamente.
The Hateful Eight è un altro western frutto del genio di Quentin Tarantino. 
Sotto le musiche di Ennio Morricone ecco che si muovono attori del calibro Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Tim Roth e Bruce Dern.
Tarantino ci ha tenuto a dire che questo film non è nulla che può in qualche modo rimandare ad un altro suo capolavoro western come Django, quindi non possiamo che essere curiosi.
Il suo nome è famoso tutto il mondo, ha dato origine ad una diversa concezione di tecnologia. Questo non è il primo film che vede lui "protagonista". Steve Jobs è diretto e co-prodotto da Danny Boyle (Oscar per The Millionare). Protagonista è un fantastico Fassbender, e il film si basa sulla biografia di Jobs scritta da Walter Isaacson. 

La musica non deve essere da meno, perché nel cinema contemporaneo diviene un fattore determinante, quindi ecco a voi i candidati per il premio MIGLIOR COLONNA SONORA:

- Carol (di Carter Burwell)
- The Danish Girl (di Alexandre Desplat)
- The Hateful Eight (di Ennio Morricone)                    
- Steve Jobs (di Daniel Pemberton)
- Revenant (di Ryuichi Sakamoto
                    


                            
Ebbene se non parliamo specificamente di colonne sonore ecco che allora subentra la categoria MIGLIOR CANZONE ORIGINALE:

- Love me like you do (50 sfumature di Grigio) di Ellie Goulding
- One kind of Love (Love & Mercy) di Brian Wilson
- See you again (Fast & Furious 7) di Wiz Khalifa ft. Charlie   Puth 
- Simple Sound #3 (Youth - La giovinezza) di David Lang
- Writing's on The Wall (007 - Spectre) di Sam Smith                            





Ma le pellicole in nomination non sono finite qui. Ci sono numerosi film stranieri molto interessanti, e questi cinque si giocano il "Globo" per il MIGLIOR FILM STRANIERO.





The Brand New Testament è un film diretto da Jaco Van Dormael. Da amante del cinema francese, il quale sembra davvero senza tempo. Questa pellicola è assolutamente ironica. Quell'ironia leggera che è impossibile toccare ma solo assaporare. Insomma, Dio che vive a Bruxelles deve la ragione che deve spingervi a vedere questo film!


Il Club è il titolo del film cileno prodotto e diretto da Pablo Larrain. La trama è riduttiva da raccontare, ma ciò che si evince è l'intreccio di bui e tetri ricordi. Il passato non fa altro che cooptare ogni individuo.
The Fencer (titolo pronunciabile al contrario dell'originale finlandese Miekkailija) è diretto dal regista, appunto finlandese, La storia si basa sugli eventi che vedono protagonista lo spadaccino Endel Nelis e il suo allenatore, entrambi estoni. Vite distrutte però, come quella di tutta l'Estonia, dall'opprimente presenza della
Russia.
Klaus Haro.
Turco invece è il film di Deniz Gamze Erguven, Mustang. La storia di cinque sorelle che combattono lealmente e duramente contro il potere soffocante ed opprimente della sfera maschile. Tematica attuale, soprattutto la disuguaglianza in Turchia.
L'ultimo film per la categoria invece risulta essere Son of Soul (in ungherese Saul Fia) che è diretto da Laszlo Nemes.
Il film che concorre anche al Festival di Cannes è ambientato nell'età nazista, incentrato sulle vicende di Saul, ebreo ungherese isolato insieme a migliaia di altri uomini e donne nel campo di concentramento. Storia dura, difficile. Vera.

Ecco che finalmente ci avviamo vero l'ultima categoria, ovvero il MIGLIOR FILM D'ANIMAZIONE:

- Inside Out
- Anomalisa
- Il viaggio di Arlo
- Snoopy & Friends - Il film dei Peantus
- Shaun - Vita da pecora

Suvvia, guardateli e ritornate almeno per un memento un po' bambini!

SIGNORI E SIGNORE, HO CONCLUSO LA PRIMA PARTE DELLE NOMINATION, OVVERO QUELLE VALENTI PER IL CINEMA.
NON PERDETEVI IL SECONDO ARTICOLO DOVE PARLERO' DELLE NOMINATION DELLA TV.
GRAZIE PER AVER LETTO, LASCIATE OPINIONI, PARERI E SE VOLETE, ANCHE DEI TOTO-VINCENTI !

Per DirettaTelefilm, Francesco Celetta.



Per altre news e materiale sui GOLDEN GLOBE, seguiteci sulla nostra pagina Facebook Diretta Telefilm.
Come sempre ringrazio le pagine che pubblicizzano questo materiale.
Grazie perché senza di voi tutto ciò non potrebbe essere pubblicato!

RINGRAZIO PER LA PUBBLICIZZAZIONE:

- Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita
- Serie Tv News
- Serie Tv Mania
- Telefilm Mood














News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge