Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
giovedì 3 dicembre 2015

Eccomi ritornata dopo una settimana di pausa con la review di Supernatural. 
L'episodio diretto dal nostro amatissimo Richard Speight Jr. aka Loki aka Arcangelo Gabriele ci ha portato un po' fuori dalle righe standard di questa serie TV. 




Sempre si trattava di mostri e di morti, ma qualcosa di diverso c'era. Innanzitutto questa volta ad dover essere salvato era un Buono e non un Cattivo e il tutto ruotava intorno all'infanzia di Sam; la decisione intrapresa dai produttori mi è sembrata geniale, soprattutto dopo le visioni della Gabbia che in qualche modo ricollega questa undicesima stagione alle precedenti. 






In questa puntata ci troviamo di fronte ad una delle più vecchie e banali storie: l'amico immaginario*. Quanti di voi da piccoli giocavano da soli e immaginavano di avere degli amici intorno con cui divertirsi? Credo tutti abbiamo avuto una piccola parte della nostra vita fiancheggiata in qualche modo da "qualcuno" che potremmo chiamare anche Angelo Custode. Secondo il folklore questi esseri sono chiamati Zana e sono coloro che nell'infanzia aiutano i bambini a crescere e perfezionare il loro carattere. 





Anche Sam ne aveva uno ed è proprio Sunny a fargli visita per chiedere il suo aiuto. Inizialmente il cacciatore non si accorge della tavola imbandita, ma quando la nota capisce che qualcosa non va e appena voltate le spalle si trova di fronte il suo amico dell'infanzia.
Sam spaesato inizia con un pugno e poi comincia con le domande, ma i due vengono interrotti da un ancora addormentato Dean che alla vista del fratello in stile Kung Fu chiede con chi stia parlando. 
Questa scena è una tra le più divertenti di tutto l'episodio, i fratelli sono imbambolati, da un lato Sam che non riesce ancora a realizzare se è sveglio o se sta vivendo un incubo dall'altro c'è Dean che non crede a niente di tutto ciò, neanche quando Sunny si mostra alla sua vista. C'è qualcosa che gli sfugge, ma ancora non ha realizzato che la missione del giorno è proprio questa. 






Iniziano gli omicidi e il primo a morire è uno dei molti sogni di noi Telefilm Addicted: Sparkle, l'unicorno che brilla. Sparkle è l'amico immaginario di una bambina di 9 anni, la quale lo trova morto nella sua cameretta, ma quando chiama la polizia nessuno le crede, inclusi i genitori perché gli adulti non hanno la possibilità di vedere ciò che realmente c'è all'interno della stanza. 





Così i Winchester dopo aver trovato un accordo si dirigono sul luogo del delitto vestiti da psicologi - qui il riferimento ad una vecchia puntata dove Dean parla di Bert e Ernie i personaggi di un cartone animato da cui prendono i nomi i fratelli - e cercano di scoprire cosa stia realmente succedendo. Qui entra in gioco Sunny che gli "abilita" alla visione immaginaria: lo scenario è raccapricciante e allo stesso tempo fiabesco; quando entra la madre lo scenario si fa anche ironico dato la differenza di visuale tra i Winchester e la donna.









In tutto ciò, però i cacciatori non sanno da chi parte rifarsi e gli omicidi continuano: prima la sirena e dopo Weedle, l'amico immaginario rockettaro che fortunatamente scorge l'assassino e si salva grazie all'aiuto di Sunny.
Finalmente capiamo che dietro a tutto questo c'è una ragazza, alla quale le è morta la sorella e si vuole vendicare per il male provocatole; così nel momento in cui Dean va alla ricerca di Reene viene colpito alla testa e intrappolato, menomale che nel frattempo sono arrivati anche Sunny e Sam. 
L'amico immaginario si prende le sue responsabilità e spiega ai cacciatori perché non lavorasse più con i bambini: per colpa sua la sorella di Reene è morta in un incidente e preso dalla paura si era allontanando lasciando la gemella sola con il suo dolore. Per fortuna la ragazza non uccide Sunny anche grazie alle parole commoventi di Dean che in qualità di supervisore di Sam si prende la colpa per tutte quelle volte in cui l'ha lasciato da solo. 





Oltre alla trama principale, però scorgiamo a piccoli tratti il passato di Sam che lasciato solo a se stesso trova la compagnia di Sunny e i due insieme passano un bel periodo, ma le cose non vanno mai a finire bene, infatti ad un certo punto John chiama "alle armi" il figlio minore che senza troppa cautela liquida l'amico immaginario già pronto per il piano che avevano creato insieme. Insomma non solo è stato il protettore di quest'ultimo, ma è stato anche il momento peggiore della sua vita perché dopo tutto quello che aveva fatto, Sam aveva comunque deciso di seguire il padre, invece che la sua strada e le sue idee. 
Dean, in tutto questo, nel corso dell'episodio chiede più volte al minore come mai ci sia tutto questo attaccamento, ma Sam dal canto suo si chiude "a riccio" e i flashback hanno la meglio - ci viene raccontato un fatto che già sapevamo: Sam che vuole volare, ve lo ricordate? -.









In più c'è la questione della Gabbia che il minore affronta anche con Sunny che lo incinta a fare ciò che va fatto senza pensarci troppo perché gli eroi sono fatti così, non sono perfetti, sono solo uomini con un grande coraggio, onore e lealtà. 
Sam prova a parlare di nuovo con Dean, ma quest'ultimo è ancora dell'idea di trovare un'altra soluzione che, purtroppo, per loro non c'è.

NOTE:
*L'amico immaginario è un fenomeno socio-psicologico che si verifica quando un'amicizia o una relazione interpersonale prende luogo nell'immaginazione piuttosto che nella realtà fisica. Spesso possiede un'elaborata personalità e comportamento. Nonostante possano sembrare molto reali per i loro creatori, i bambini capiscono che i loro amici immaginari non sono reali. 
Gli amici immaginari sono spesso creati nell'infanzia, a volte nell'adolescenza e raramente nell'età adulta. Spesso, nel giocare con l'infante, assolvono funzione di tutor. Le loro caratteristiche variano a seconda delle ansie, delle paure o degli obiettivi del bambino. Fonte Wikipedia.


Finisce così la recensione. Vi posto il promo della prossima puntata "O Brother What Art Thou?", ovvero la MidSeason Finale - già siamo a metà stagione? No, vi prego, non ci voglio pensare -.




Voto della puntata: 10




Alla Prossima, 
"We'll always bound each other"
MissW. 

Ringrazio le mie colleghe e tutte le pagine che mi supportano:

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge