Recensioni

Quale, tra le nuove serie di questo Autunno, è la tua preferita?

Lettori fissi

Powered by Blogger.
mercoledì 18 maggio 2016

Io sono una persona felice.
Non voglio neanche pensare ai drammi che ci attendono, perché sono troppo felice e voglio godermi il momento.
Lo vedete? A Westeros sì che sanno come organizzare il Family Day! Niente pregiudizi e solo famiglie infelici che si riuniscono.
Ma voi vi rendete conto?


Cioè, è chiaro che gli scrittori di GOT hanno spiato la mia vita fatta di libri, palestra e petto di pollo e hanno deciso che gli facevo troppa pena per non darmi una gioia!

#1 FamilyDay (Winter Holidays Version)

Io non ci potevo credere. Cioè avrei scommesso mia madre che questa cosa non sarebbe mai successa. Invece è successo. L'era d'oro di Sansa sembra proseguire. Arriva in tempo.



E forse quella è stata la mia scena preferita di GOT di sempre.  Me la sono goduta. Attimo per attimo. Secondo per secondo.









L'espressione di lui, quella di lei. Il modo in cui si avvicinano.
No, davvero è stato bellissimo. 



Anche perché, pochi attimi prima che lei arrivasse, era diventato chiaro, in tutta la sua lampante evidenza che Jon avesse bisogno di uno scopo. Mentre Edd si lamentava del suo prossimo abbandono vivendolo come un tradimento e Jon continuava a sostenere di aver dato la sua vita ai Guardiani della Notte.
Proprio in quel momento, arriva Sansa.
Ho i brividi.
E tra un ricordo e l'altro. Dopo un momento di profonda tenerezza e di sollievo, Sansa dimostra a tutti di essere diventata grande.
Da una parte pensateci cosa è stato per lei gettarsi tra le braccia di Jon. Da quanto tempo Sansa non ha accanto qualcuno che la ami con la semplicità con la quale può farlo un fratello? E sì, c'è stato Theon, ma con tutti i loro trascorsi, con il fantasma di Ramsay così incombente, non era lo stesso.
Fatto sta che il suo abbandono alle coccole dura poco.
Ben presto, il fatto che lui si in procinto di andarsene diventa argomento di discussione, e il problema è decidere dove. Perché già sarebbe stato difficile per Jon solo trovare un posto al Sud dove stabilirsi, con Sansa al seguito diventa impossibile. 







E la soluzione di lei è disarmante.
In un primo momento, sembrano le parole di una bambina nostalgica che implora il fratello di riportarla nel posto in cui erano stati felici, di ricostruire insieme qualcosa che fosse simile a una casa.
Ma la preghiera di Sansa di infantile non ha niente.
Lei vuole veramente riprendersi Grande Inverno.
E non è una pretesa campata in aria, Sansa ha una battaglia da combattere. Ha uno scopo.E sicuramente ha molti più propositi di vendetta del fratello. Eravamo abituati ad una ragazzina destinata alla sofferenza. Passiva e soggiogata da tutto quello che le accadeva intorno. Ma, senza dubbio, Sansa ha fatto esperienza. Ha una lunga lista di ex fidanzati ed ex mariti immischiati nella politica dai quali senza dubbio ha imparato qualcosa; ha passato abbastanza tempo con Cersei per capire come una donna potente dovrebbe comportarsi (perché che ci piaccia o meno, la leonessa è cresciuta a pane e giochi di potere); ha considerato l'influenza che il fratellastro potrebbe avere sui bruti e sui popoli del Nord.
E su questo punto, bisogna ammetterlo, non sono del tutto fiduciosa.
I vecchi detti "Il Nord non dimentica" e "Deve esserci sempre uno Stark a Grande Inverno" sembrano riecheggiare vuoti mentre anche i Karstrark consegnano quello che, di diritto, dovrebbe essere il Protettore del Nord.
Anche Jon è interdetto. Non vorrebbe. Non vuole combattere ancora ed è quasi uno scambio di personalità, dove è lui invece di lei a cullarsi nell'infantile illusione di poter essere un ragazzino come tanti. Non è il suo destino. 
Se a convincerlo non sembrano bastare le parole della sorella, però, ci pensa Lord Bolton con la sua folle dichiarazione di intenti piena zeppa di minacce e provocazioni. Sono pronta a giurare che abbia anche toppato i congiuntivi, tanto per renderlo più terribile di quanto già non fosse.
Ramsay Bolton ha l'assurdo coraggio di informare Jon della presenza di Rickon a Grande Inverno.
Ed il detto di cui sopra"Deve esserci sempre uno Stark a Grande Inverno" torna improvvisamente ad avere senso. 
Lo minaccia con quello che conosce: orrore, crudeltà e devastazione.
E la lettera viene letta davanti a Thurmond che immediatamente si pone al fianco di Jon.
A quanto pare sta per combattersi una battaglia. A quanto pare, l'ormai ex Lord Comandante sembra aver trovato uno scopo.
E per quanto suoni quasi troppo bello per essere vero, non riesco ad impedirmi di sperare in una vittoria. Non riesco ad impedirmi di fantasticare, immaginando Rickon che si riunisce ai fratelli mentre Lord Bolton penzola scuoiato dalle mura di Grande Inverno. Giusto in tempo per ricompattare il Nord sotto i vessilli del Metalupo ed accogliere gli estranei.
E se dal profondo Sud dovessero arrivare dei Draghi in aiuto, nulla ci impedisce di spingerci fino ad immaginare un ritorno di Tyrion al fianco di Sansa. Chissà se dopo tutto quello che ha vissuto la ragazza non inizierebbe a guardare il primo marito con occhi diversi.
Mi piace molto questa nuova versione di lei.

#2 Brienne La Bella 

In tutto ciò, al fianco di Sansa arrivano anche Brienne e Pod.
A tal proposito voglio lamentarmi ufficialmente. Che ne pensano di far dire una battuta al nostro amato scudiero prima del finale di stagione? Se ne sta lì, mangia e si aggira con un'aria tetra che proprio non gli appartiene, senza dire niente. Senza far felice nessuna donna.
Non posso accettarlo.
E' anche vero che a metterlo in ombra, oltre alla nuova versione di Sansa, c'è Brienne che ha la stessa voglia di fare amicizia che avrebbe Salvini in un campo di rifugiati.



Cioè lei doveva proprio andare da Ser Davos a confessare di aver stecchito Stannis. Non poteva tenerselo per sé!
Per quanto io sia la prima a soffrire ancora della morte di Renly, è un'idiota!
Cioè, siamo tutti d'accordo sul fatto che probabilmente tra i vari Joffrey, Stannis e Tommen, Renly sarebbe stato la scelta migliore. Concordiamo anche tutti che Loras sarebbe stato una magnifica Regina. Ma le cose sono un po' cambiate da allora! E per quanto spiacevole, tutti gli uomini di potere hanno bisogno di un consiglio ristretto attorno. Potrebbe essere proprio questa la chiave del successo degli Stark. Un cavaliere impavido, come Brienne, un uomo saggio, come Ser Davos, e una Donna Rossa che all'occorrenza ti resuscita!
Non so quali saranno le reazioni del Cavaliere delle Cipolle. Di fatto, anche lui al momento è carente di obiettivi e per un uomo abituato a servire, trovarsi un nuovo padrone potrebbe essere la soluzione migliore. Così come fa Brienne, sempre avida di offrire la sua vita a qualcuno. Di metterla al servizio di qualcuno.
Se sul futuro di Ser Davos potrebbero esserci dei dubbi, non ce ne sono sul futuro di Melisandre.
Ai suoi occhi, Jon è il Principe che è stato promesso.
Ai nostri pure. Nonostante l'assenza delle BrandonNews in questo episodio.
E non dimentichiamolo. Lei lo ha visto su un campo di battaglia a Grande Inverno.

#3 FamilyDay ( "guarda bello de zio, t'ho portato una civetta! Chiamala Edvige" Version)

Devo ricordarmi di fare questa cosa! Ogni volta che Tommen mi irriterà, devo pensare a Robert Arryn e sono certa che niente avrà più il potere di infastidirmi.
Quel ragazzino è l'incarnazione del vorrei ma non posso. No, peggio. Lui neanche vuole. Lui sta lì, fa cose tanto per riempire la giornata. E' ovvio che Ditocorto riesca a rigirarselo come un calzino, a manipolarlo e usarlo a suo piacimento.



Infondo, basta fingersi Hagrid.
Ed in meno di tre minuti riesce a fargli minacciare l'unica persona con cervello rimasta a Nido dell'Aquila, e a strappargli la promessa di andare a prendere Sansa al Nord!
Ma voi vi rendete conto di cosa potrebbe succedere vero?
Una sorta di remake della battaglia delle Acque Nere. Quando all'improvviso i soldati di Alto Giardino hanno cambiato le sorti della battaglia. O una nuova versione dell'arrivo di Stannis al Nord.
Già me lo vedo l'esercito di Nido dell'Aquila che arriva a Grande Inverno in soccorso dei Bruti, aiutando Sansa e Jon a rientrare nel castello. 
Tanto lo so che di tutte le mie rosee previsioni non si avvererà nulla e finirò disperata a piangere in un angolo. 



L'unica domanda che mi preme è: cosa vuole davvero Ditocorto?

#4 Osha (in alto le bacchette)

Ovviamente, qualcosa di terribile doveva accadere. Dunque, fermiamoci un attimo a porgere i nostri omaggi a Ninfadora. E' la seconda volta nella mia vita che assisto impotente al suo funerale. Mi sembra scorretto.



Ad ogni modo, ha dimostrato come i Bruti, talvolta, riescano ad essere più fedeli dei così detti "civilizzati".
Forse perché non è il lignaggio o il dovere a guidare le loro azioni. Osha ha scelto a chi essere fedele. Non era una serva, ma una collaboratrice.
E devo dire, che non ci potevo credere che Ramsay si stesse facendo ingannare. Lo sapevo che sarebbe finita in quel modo.



Ed ora Rickon è solo, sempre ammesso che sia ancora vivo.
Il problema, o meglio la cosa piacevole, è che anche Ramsay è solo. E soli non si vincono le battaglie.
Soprattutto non dopo aver ucciso un membro dell'ordine della fenice.
La storia insegna.

#5 FamilyDay (stessa spiaggia stesso mare Version)

Tornando alle riunioni di famiglia, anche le isole di ferro vedono il ritorno del loro Principe, o almeno di quello che ne resta.



Di solito non sono brava a perdonare. Voglio dire, sono rimasta l'unica a serbare rancore a Jaime per aver buttato Bran dalla torre, eppure con Theon è diverso. Mi fa davvero troppa pena.
E non solo per le torture che ha subito. E' più che altro quello che è successo alla sua anima. E' più che altro la sua solitudine.
Perché Sansa ha trovato la sua "home" tra le braccia di Jon, nonostante tutti i battibecchi da bambini, nonostante l'influenza negativa della madre sul suo atteggiamento nei confronti del fratello. Mentre Theon, alla domanda "perché sei tornato?" non può rispondere altro che "non sapevo dove andare". Non ha una casa perché la sua casa era il Nord con gli Stark. Il suo posto era al fianco di Robb. A loro doveva fedeltà. Ed ora, ricostruire una vita sembra faticoso e difficile.
E giustamente la sorella non lo ha accolto bene. Non all'inizio. Non finché lui non chiarisce di volerla semplicemente aiutare a sedere sul Trono del Mare. Io, ovviamente, credo nelle buone intenzioni di Theon. Quello in cui non credo è il fatto che ne usciranno vincitori.Cosa può darle, così spezzato? Così ignorante sulle tradizioni del suo stesso popolo? Forse una volta avrebbe potuto sopperire a questo con la buona educazione, con l'eleganza e i modi appresi nell'entroterra. Ma ora?
Ho paura che il suo periodo nero non sia ancora terminato e anzi temo ne vedremo l'epilogo.  

#6 FamilyDay (Imperial Version)

A proposito di fratelli spezzati, finalmente uno spiraglio di Loras che è bellissimo anche vestito di stracci, sporco e disperato. Sono davvero preoccupata per la sua sorte e sono davvero triste per quello che stanno passando i Tyrell.



Ho sempre visto queste roselline come uno spiraglio di primavera in questo faticoso inverno che giunge, ed ora vederli così è terribile. 
Di buono c'è la sempre più evidente svolta femminista della serie, dove sono le donne, in particolare in questo episodio, a farla da protagoniste. E le cose non cambiano ad Approdo del Re, dove anche se con poca convinzione, Margaery sembra riuscire ad interagire in maniera dignitosa con l'Alto Passero.


E voglio anche dire che non sono per niente d'accordo con la ricostruzione che il Passerotto ha fatto della psiche di Margaery. 


Io non penso proprio che Marge veda in Loras il potere. Io credo fermamente nei suoi sentimenti verso di lui. Ed è vero che la Regina ha un debole per la bella vita, per la fama e per il potere. Ma non è mai stata crudele, fredda o insensibile. Margaery e Loras sono esattamente quello che due fratelli coetanei dovrebbero essere. L'una la spalla dell'altro. Pronti a coprirsi le spalle, anche a costo della prigionia.
Dunque .. caro Alto Passero:



E mentre i due fratelli sembrano sull'orlo del cedimento, anche le famiglie allargate si riuniscono.
Olenna e Cersei potrebbero diventare una delle alleanze più pericolose mai viste. E con l'esercito di Alto Giardino che sta per arrivare, non vedo l'ora di godermi questa crociata.



Tra l'altro, Cersei sembra davvero sincera nel suo proposito di alleanza. Ed in qualche modo ci credo che non voglia vedere Margaery fare la sua stessa fine. In una logica classista, infondo, è inaccettabile. 
O forse, per un momento, come fece con Sansa mentre erano nascoste, la Regina Cattiva ha semplicemente provato empatia. Quella piccola debolezza che la coglie ogni volta che cede alla tentazione di immedesimarsi nella giovane donna che ha davanti.

#7 Tyrion Rules

A Meereen, Tyrion e Varys sembrano intrattenere relazioni diplomatiche con una grazia impeccabile. Senza eccessiva fatica riescono anche a superare le resistenze di Verme Grigio e Missandei. Spero solamente che non venga fuori una differenza abissale tra quelle che sono le motivazioni nel continente e quelle oltre il mare stretto. E spero anche che la madre dei Draghi abbia imparato che un esercito può bastare per conquistare, ma non per governare! E' giunto il momento che impari a gestire il potere. E ha a disposizione due dei migliori insegnanti possibili.
Purtroppo i compromessi vanno fatti, per quanto dolorosi.





E Tyrion ha ragione. Non può trovare nello stesso giorno una soluzione per la guerra, per la schiavitù e per la ritenzione idrica. 
Inoltre, abbiamo visto come funziona una classe dirigente vincente.
Ci si confronta, si discute e poi si fa gruppo all'esterno. E direi, che anche senza la regina, per il momento a Meereen se la stanno cavando piuttosto bene.
E Tyrion fa le sue veci in maniera impeccabile. Addirittura, quando non è lei ha impiegare 15 minuti per dire il suo nome compresi epiteti e onorificenze, ci pensa lui!

#8 Signore e Signori: il grande numero del fuoco! Di nuovo!

E lo so che lo aveva già fatto ma ogni volta che mi esce nuda dalle fiamme io godo.



Che scena! Non mi stanca mai!
La prima volta, un manipolo di Dothraki si era inginocchiato, questa volta, a Vaes Dothrak c'erano i più grandi Khalasar. Questa volta, Dany ha conquistato un popolo intero.



E dopo stagioni di calma piatta, Daenerys rinasce dal fuoco, di nuovo. Torna con quell'adorabile arroganza a stupire il mondo con gli effetti speciali. Mentre mette al loro posto i più potenti uomini del mare d'erba. Che pensano di poter parlare di lei, decidere per lei. 



Piccoli uomini stolti, che tra tutti gli errori possibili hanno fatto il peggiore. L'hanno sottovalutata. Ed in questa puntata tutta al femminile, Dany non si è tirata indietro. 
Adoro questo aspetto del personaggio. Questa sua "assolutezza". Una determinazione che la rende spietata. Azoto liquido tra le fiamme.




Mancava solo Drogon volante sul tempio in fiamme e sarebbe stato perfetto. Ma, hey, non ho alcuna intenzione di lamentarmi. Voglio dire, considerato il livello di disperazione a cui siamo abituati, questa, è la puntata più felice che ci abbiano regalato. Almeno dalla morte di Joff in poi!
Una svolta piuttosto repentina, oserei dire.
Ed ora, mancano solo le navi, l'esercito di Dany non è mai stato così enorme. Deve solo decidere di non sprecare tutti gli uomini in nobili ed improbabili propositi di giustizia e salpare verso il suo destino.
Il problema è: come farà ad imporre Verme Grigio come comandante? Come gestirà questo cosmopolita e variopinto popolo che si è conquistata?

#MomentoTop






Potrebbero essere la storia d'amore più bella di sempre!
ALBANO E ROMINA WHO?!
Ma soprattutto la faccia di Eddolorato!

Non ci resta che attendere il prossimo episodio!
A presto Mika!

Valutazione Puntata:

Visitate la nostra pagina
e le pagine nostre amiche:

News Letter

Reign cancellato?

A quanto pare non avremo una quinta stagione di Reign . Si concluderà con la quarta stagione, anche a causa di importanti uscite di a...

Datario

Rubriche

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Google+ Badge